Policy bagaglio a mano Ryanair vs Agcm - Disposizione garante valida solo per i voli nazionali?

Dopo aver letto della sentenza dell'AGCM sull'annullamento della policy per il bagaglio a mano a pagamento, mi sono accinto a prenotare un volo per Londra per festeggiare l'anniversario con mia moglie: con mia grande sorpresa, però, mi sono accorto che non è cambiato nulla.

Il bagaglio a mano si paga ancora, e i costi mi sembrano anche aumentati.

Ma è una barzelletta?

Nei giorni scorsi l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, AGCM, aveva disposto, al termine di un procedimento istruttorio, la sospensione della nuova policy per bagagli a mano a pagamento delle compagnie low-cost Ryanair e Wizz Air, poiché considerata ingannevole: nei giorni, successivi, però, navigando sul sito, molti si sono accorti che non è cambiato assolutamente nulla.

Infatti, le due compagnie low cost continuano a vendere i biglietti chiedendo poi un extra per imbarcarsi con un secondo effetto personale.

Come noto, entrambe le compagnie hanno annunciato ricorso e la questione sarà affrontata al Tar del Lazio.

Anche perché, spiega Ryanair, l'Antitrust non può decidere su questioni che riguardano la sicurezza aerea o la puntualità dei voli.

Dunque, le attività continuano come prima e l'extra per il bagaglio a mano viene chiesto al momento della prenotazione.

Continuando così, però, le compagnie rischiano 5 milioni di euro di multa o lo stop dei voli.

Ma c'è un però.

L'Agcm, da parte sua, chiarisce che lo stop all'extra sul bagaglio a mano si dovrebbe applicare soltanto ai voli nazionali (cioè che prevedono una partenza da uno scalo italiano e un arrivo in un altro scalo italiano) e a quelli Italia-estero (decollo da un aeroporto italiano e atterraggio in un aeroporto straniero).

Le due low cost, quindi, possono regolarmente applicare la tariffa aggiuntiva ai collegamenti dall'estero verso il nostro Paese in quanto l'origine è di un'altra giurisdizione.

E sugli eventuali rimborsi, spiega ancora il garante, occorre rivolgersi alle associazioni dei consumatori.

Per adesso, il vettore irlandese continua a fare orecchie da mercante: vedremo come proseguirà la vicenda.

6 novembre 2018 · Patrizio Oliva

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Altre discussioni simili nel forum

Ryanair
tutela consumatore - viaggi e vacanze

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca