Si può pignorare la casa in cui vivo per un debito di ventimila euro?

Cinque anni fa mia zia mi ha donato l’abitazione dove attualmente risiedo con mio figlio: purtroppo da circa un anno non riesco a far fronte ad un debito con una finanziaria che stavo pagando in cambiali.

Attualmente non ho ricevuto alcun tipo di comunicazione a riguardo. La donante è ancora in vita,e abita nella casa con me. Il debito residuo è di circa ventimila euro. È possibile che il creditore proceda con un pignoramento?

La legge non prevede limitazioni per il creditore ordinario (banca, finanziaria o privato cittadino) che voglia procedere al pignoramento della casa di proprietà del debitore inadempiente. Questo vale indipendentemente dall’entità dell’esposizione debitoria (ventimila euro), dall’origine del titolo di proprietà (donazione nella fattispecie) e/o dal mezzo di pagamento previsto per il rimborso (le cambiali nel caso in commento).

22 Novembre 2018 · Carla Benvenuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Mutuo che non posso più pagare e la casa ipotecata andrà all'asta - Sono proprietario di altri immobili da cui ricavo quanto necessario a pagare gli alimenti a mia moglie separata » In caso di sopravvenienza di debito residuo il mio personale creditore potrà pignorare anche questi immobili?
Non posso pagare un mutuo ipotecario di primo grado costituito da rate di soli interessi il cui capitale è stato ripagato per il 54,5%: l'immobile (prima casa) il cui valore è superiore al residuo capitale andrà all'asta probabilmente. Sono separato dalla moglie con 3 figli con lei nella casa il cui più piccolo di 11 anni. Ho altri immobili che forniscono gli unici redditi con i quali pago gli alimenti. Possono essere attaccati anche questi immobili? ...

Iscrizione di ipoteca esattoriale - per il raggiungimento della soglia minima di ventimila euro concorrono tutti i debiti iscritti a ruolo
In tema di iscrizione di ipoteca esattoriale, per il raggiungimento della soglia minima di ventimila euro occorre fare riferimento a tutti i crediti iscritti a ruolo (di natura contributiva, tributaria ed amministrativa) anche se oggetto di contestazione da parte del contribuente, atteso il ruolo costituisce "titolo esecutivo" sulla base del quale il concessionario può promuovere azioni cautelari conservative, nonchè ogni altra azione prevista dalle norme ordinarie a tutela del creditore; purchè sia inutilmente trascorso il termine di 60 giorni dalla notifica della cartella di pagamento, senza che assuma alcuna rilevanza la contestazione dei crediti posti a fondamento dello stesso. Queste ...

Non riusciamo a pagare le rate del mutuo e vorremmo vendere la casa - Ma il ricavato non ci consentirebbe di pagare il debito residuo e la banca ci propone di saldare il resto con un prestito a tassi altissimi » Che fare?
Da più di 5 anni io el mio ex compagno abbiamo messo in vendita la casa cointestata ma non riusciamo a vendere ne affittare, stiamo entrambi pagando sia mutuo, finanziamenti della ristrutturazione che affitto delle nostre attuali abitazioni e non riusciamo più a far fronte alle spese mensili. Il debito residuo attualmente è di 150 mila euro ma le proposte di vendita avute fino ad ora sono di circa 80 - 90.000 Euro. Ammettendo la vendita e estinguendo parzialmente l'ipoteca, la banca ci ha proposto di fare un finanziamento del residuo ad un tasso e rata decisamente più alta dell'attuale ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Si può pignorare la casa in cui vivo per un debito di ventimila euro?