Pignoramento verso il datore di lavoro e sospensione degli accantonamenti in busta paga previsti dal decreto Rilancio

Ho sullo stipendio un pignoramento in seguito ad una causa civile da parte di un privato, adesso con la sospensione dei pignoramenti verso terzi mi può essere sospeso anche il mio pignoramento, oppure posso sperare che ciò possa avvenire.

L’articolo 152 (Sospensione dei pignoramenti dell’Agente della riscossione su stipendi e pensioni) del decreto legge 34/2020 (Rilancio) precisa che nel periodo intercorrente tra la data di entrata in vigore del decreto (19/05/2020) e il 31 agosto 2020 sono sospesi gli obblighi di accantonamento derivanti dai pignoramenti presso terzi effettuati prima di tale ultima data dall’agente della riscossione e dai concessionari della riscossione locali aventi ad oggetto le somme dovute a titolo di stipendio, salario, altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego, comprese quelle dovute a causa di licenziamento, nonché a titolo di pensione, di indennità che tengono luogo di pensione, o di assegni di quiescenza.

Le somme che avrebbero dovuto essere accantonate nel medesimo periodo non sono sottoposte a vincolo di indisponibilità e il terzo pignorato le rende fruibili al debitore esecutato, anche se anteriormente data di entrata in vigore del presente decreto sia intervenuta ordinanza di assegnazione del giudice dell’esecuzione.

Restano fermi gli accantonamenti effettuati prima della data di entrata in vigore del presente decreto e restano definitivamente acquisite e non sono rimborsate le somme accreditate, anteriormente alla stessa data, agli agenti esattoriali procedenti.

Pertanto, il datore di lavoro, dal 19 maggio 2020 e fino al 31 agosto 2020, non effettuerà le relative trattenute di accantonamento che riprenderanno, salvo l’eventuale pagamento del debito, a decorrere dal 1° settembre 2020. Ma, attenzione, si tratta solo di sospensione degli accantonamenti pre assegnazione giudiziale (non di sospensione dei prelievi in busta paga o dall rateo di pensione, se la procedura di pignoramento è già stata definita con l’assegnazione della quota di stipendio/pensione) e limitatamente al caso in cui l’azione esecutiva sia stata stata avviata per debiti verso la Pubblica Amministrazione dall’Agente della riscossione designato (Agenzia delle Entrate Riscossione nonché dai Concessionari della riscossione comunali e regionali).

29 Maggio 2020 · Giorgio Martini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Sospensione degli accantonamenti in seguito a pignoramento presso terzi dovuti all'Agente della Riscossione in epoca Coronavirus
Volevo sapere se la sospensione dei pignoramenti presso terzi, prevista dal Decreto Rilancio 34/2020 art.152 prima e dal Decreto Agosto art.99 dopo, riguardano solo stipendi e pensioni oppure anche per quelli effettuati presso il datore di lavoro, da parte dell'Agenzia delle Entrate e Riscossioni per delle cartelle esattoriali, dove vengono trattenuti gli importi sulle provvigioni. Il reddito da lavoro autonomo rientra tra le sospensioni previste nei decreti legge sopra indicati? Nei DL Rilancio ed Agosto si indica oltre a Stipendi e pensioni anche ALTRE IDENTITà DI LAVORO , in questa dicitura voi ritenete che rientri anche il lavoro autonomo? Forse ...

Pignoramento del quinto della busta paga e nuovo datore di lavoro
Al momento ho in corso un pignoramento del quinto dello stipendio, per via di vecchie grane familiari, da parte di banca IFIS. Mi è arrivata un offerta di lavoro rispetto all'attuale. Come mi devo comportare in questo caso? Sono in possesso della lettera d'intenti del nuovo datore di lavoro, che però non ho ancora firmato per via di questo dubbio. ...

Pignoramento dello stipendio - Non commette reato il datore di lavoro terzo pignorato che, dopo l'assegnazione giudiziale, non trasferisce il quinto della busta paga al creditore procedente
Con riguardo alla procedura esecutiva presso terzi, l'articolo 546 del codice di procedura civile, comma 1, stabilisce che dal giorno in cui gli è notificato l'atto previsto di pignoramento, il terzo è soggetto, relativamente alle cose o alle somme da lui dovute e nei limiti dell'importo del credito precettato aumentato della metà, agli obblighi che la legge impone al custode. Qualora l'oggetto del pignoramento sia un credito, gli obblighi che la legge impone al custode devono interpretarsi nel senso che il terzo, una volta notificatagli il decreto giudiziale di assegnazione al creditore procedente delle somme detenute in custodia, non può ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pignoramento verso il datore di lavoro e sospensione degli accantonamenti in busta paga previsti dal decreto Rilancio