Pignoramento del TFR di 2/5 se le azioni esecutive sono state azionate per crediti di natura diversa?

Nel 2016 ricevo un pignoramento presso il datore di lavoro, in udienza l'avvocato di controparte da 250 euro di pignoramento scende a 180 euro visto che già sullo stipendio grava un assegno di mantenimento di 700€ (stipendio netto di 1400 euro).

Nel 2017 secondo pignoramento da banca il giudice gli assegna 70€ mensili ovvero la differenza per raggiungere 1/5 fino a quando terminerà il primo pignoramento.

Nel marzo 2017 l'azienda mi licenzia.

Il TFR a questo punto mi viene gravato di ben due pignoramenti di 1/5 ciascuno nonostante questo si aggiunge un pignoramento sul tfr di una parcella di un avvocato: mi e Vi chiedo tutto questo e regolare.

Lei riferisce che uno dei due pignoramenti (il secondo) è riconducibile a crediti ordinari, essendo il creditore procedente una banca. Nulla ci dice in merito al credito per cui ha agito il primo creditore.

Se i debiti per cui le è stato pignorato il TFR sono della stessa natura (entrambi ordinari) il pignoramento nella misura di di 2/5 è illegittimo: in questa ipotesi, pertanto, le converrebbe rivolgersi ad un avvocato per presentare opposizione al giudice dell'esecuzione, se è ancora in tempo.

4 giugno 2017 · Giorgio Martini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento - opposizione a esecuzione
pignoramento del trattamento di fine rapporto (TFR)

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Il creditore può avviare contemporaneamente più azioni esecutive nei confronti del debitore
Il creditore può valersi cumulativamente dei diversi mezzi di espropriazione forzata previsti dalla legge, ma, su opposizione del debitore, il giudice dell'esecuzione, con ordinanza non impugnabile, può limitare l'espropriazione al mezzo che il creditore sceglie o, in mancanza, a quello che il giudice stesso determina (articolo 483 del codice di ...
Opposizione ad un atto di pignoramento per cartella esattoriale affetta da vizi di notifica ed originata da crediti di natura tributaria
La normativa vigente stabilisce che l'opposizione al titolo esecutivo (cartella esattoriale o accertamento esecutivo) in relazione al diritto di procedere ad esecuzione forzata tributaria, si propone davanti al giudice tributario mentre le opposizioni all'esecuzione concernenti la pignorabilità dei beni si propongono davanti al giudice ordinario (ex articolo 615 del codice ...
Pignoramento dello stipendio - Le nuove norme per crediti di natura esattoriale
La conversione in legge del decreto per la semplificazione degli adempimenti fiscali, contiene importanti novità in tema di pignorabilità di stipendi e pensioni. Il decreto introduce un limite di pignorabilità presso terzi per stipendi, salari o altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego parzialmente derogando, per la ...
Il pignoramento esattoriale - le procedure esecutive che possono essere attivate da Equitalia
Il sollecito, spedito per posta semplice, è una sorta di promemoria che viene inviato a chi ha un debito fino a 10 mila euro con l'invito a mettersi in regola con i pagamenti. Per i debiti fino a mille euro non si procede alle azioni cautelari ed esecutive prima di ...
Cessione del quinto dello stipendio e pignoramento
La legge disciplina l'ipotesi del cumulo della cessione con uno o più eventuali pignoramenti della retribuzione. Il cumulo può verificarsi in due distinte ipotesi, in relazione alle quali il legislatore fissa precisi limiti quantitativi. Qualora la retribuzione del lavoratore sia già gravata da una trattenuta a titolo di pignoramento e ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca