Pignoramento stipendio e pignoramento conto corrente

Temendo a breve un pignoramento presso terzi, presumibilmente presso il datore di lavoro per debiti ordinari (finanziarie), chiedo se lo stipendio verrà preventivamente decurtato di un quinto da parte del datore di lavoro e quindi accantonato; per versarlo successivamente al creditore e il restante viene normalmente accreditato in banca così che possa usufruirne da subito; oppure viene trattenuto da parte del datore di lavoro tutto quanto fino alla decisione del Giudice , che mi pare di capire possano passare diversi mesi? Credo che non possano pignorare il conto corrente in quanto, purtroppo, non ci sono soldi, ma solo il fido bancario, cioè circa -2000 euro saldo in negativo quindi.

Per intenderci meglio, se il mio stipendio è di 1500 euro, in caso di pignoramento presso il datore di lavoro, mi verrebbero accreditati sul conto 1200 euro regolarmente ogni mese, che potrei prelevare subito anche se ci fosse un pignoramento presso la banca perchè avrei diritto a poter utilizzare fino a 1500 euro?

Dopo la notifica del pignoramento al datore di lavoro (il terzo), questi accantona il massimo pignorabile (il 20% dello stipendio al netto degli oneri di legge e al lordo di eventuali cessioni del quinto) in attesa della eventuale decisione del giudice sull’importo percentuale effettivamente pignorabile.

Cosa succede se lo stipendio, appena “purgato” dal datore di lavoro viene accreditato sul conto corrente del debitore ed un altro creditore procedente notifica alla banca il pignoramento del conto corrente?

Le somme dovute a titolo di stipendio, nel caso di accredito su conto bancario o postale intestato al debitore, possono essere pignorate, per l’importo eccedente il triplo dell’assegno sociale (circa 1.548 euro) quando l’accredito ha luogo in data anteriore alla data di notifica del pignoramento del conto corrente.

Quando l’accredito ha luogo alla data del pignoramento le somme dovute a titolo di stipendio possono essere pignorate solo nella misura massima del 20%.

Nel caso specifico, dunque, se lo stipendio accreditato alla data di pignoramento del conto corrente fosse stato già sottoposto ad un prelievo per crediti ordinari, si assisterebbe in linea di principio, ad una violazione di quanto disposto all’articolo 545 del codice di procedura civile.

Si tratta di criticità di sistema che vanno esaminate di volta in volta.

3 Novembre 2015 · Rosaria Proietti

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pignoramento dello stipendio per debiti ordinari e possibile pignoramento anche del conto corrente dove viene accreditata la retribuzione
Ho un pignoramento in corso dello stipendio presso il mio datore di lavoro per debiti ordinari per il massimo consentito dalla legge cioè 1/5. Ho un accodo di pignoramento al 1° pignoramento sempre per debiti ordinari (ovviamente). E' arrivato un terzo creditore sempre per debiti ordinari che intima ai terzi pignorati la dichiarazione secondo l'articolo 547 cpc, solo che questo la intima sia al mio datore di lavoro, ed in questo caso so che ci sarà il 2° accodo, sia alla banca, dove viene versato il mio stipendio. E preciso che questo conto viene utilizzato solo ed esclusivamente per l'accredito ...

Debito con finanziaria per prestito personale - Temo pignoramento del conto corrente dello stipendio e della casa
A seguito di gravi difficoltà economiche non riusciamo più a pagare le rate di un prestito personale decennale con una finanziaria. Il debito era di 50.000 euro, abbiamo pagato 7 rate di 744 euro ciascuna e siamo in arretrato di 4 rate. Abbiamo comunicato per iscritto alla Banca (tramite un legale di un'associazione di consumatori) di voler pagare ma con una rata più bassa di massimo 400 euro in quanto abbiamo anche la rata del mutuo di 500 euro e a fronte di 1500 euro di stipendio non riusciamo più a vivere. Da parte della finanziaria finora nessuna risposta. Continuano ...

Pignoramento del conto corrente bancario dove viene accreditato lo stipendio in presenza di un pignoramento della busta paga già in corso
Volevo capire cosa può succedere nel caso venga aggredito il conto corrente bancario da una seconda finanziaria pignorante quando una prima finanziaria ha già pignorato lo stipendio presso terzi: in particolare sul conto corrente bancario confluisce solo lo stipendio decurtato da cessioni, assegno alimentare nonché quota pignorata ed è in rosso perenne, ricorrendo costantemente al fido di duemila euro. Se vengono versate dal mio datore di lavoro 500 euro (ovvero lo stipendio al netto delle decurtazioni), e se è vero che la finanziaria dovrà aspettare la soglia minima attiva prima di poter prendere qualcosa, è anche vero che io non potrò ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pignoramento stipendio e pignoramento conto corrente