Pignoramento stipendio e cessione del quinto

Dipendente da Amministrazione dello Stato con stipendio mensile netto di 2 e 300 euro sul quale viene trattenuta una cessione di euro 260,00 e una rata delega di euro 240.

Domanda: ai sensi dell'art. 68 per un successivo pignoramento ordinario si applica l'aliquota di 1/5 sulla risultante della metà dello stipendio detratte la cessione e la rata delega oppure è pignorabile l'intera somma (e non per 1/5) per come sopra calcolata?

Innanzitutto non risulta chiaro il riferimento normativo all'articolo 68 (forse sarebbe stato opportuno indicare anche la legge). Lei riferisce, poi, di un successivo pignoramento non ulteriormente dettagliato.

Supporremo quindi che lei percepisca un reddito mensile di 2.300 euro, al netto degli oneri di legge e al lordo delle quote cedute e delegate.

Il prelievo su tale importo per crediti non rimborsati, vantati nei confronti del debitore da privati banche e finanziarie, è pari al 20%, ovvero a 460 euro.

Un altro creditore della stessa tipologia, che volesse proporre azione esecutiva tramite pignoramento presso terzi nei sui confronti, dovrebbe attendere il rimborso di tutto quanto dovuto (capitale, interessi e spese legali) al primo creditore procedente.

Per crediti esattoriali o alimentari, invece, la capienza residuale per un nuovo, successivo pignoramento sarebbe limitata alla metà dello stipendio netto (1.150 euro) diminuita della quota ceduta (260 euro) e della quota prelevata in ragione del pignoramento in corso (460 euro).

In altri termini, un successivo pignoramento non potrebbe superare i 430 euro.

Atteso che Equitalia non potrebbe pignorare più del 10% del suo stipendio netto (230 euro), la capienza residuale potrebbe tutelarla nel caso di un nuovo pignoramento azionato per crediti alimentari (mantenimento del coniuge separato e dei figli).

2 febbraio 2015 · Simone di Saintjust

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cessione del quinto dello stipendio e pignoramento
La legge disciplina l'ipotesi del cumulo della cessione con uno o più eventuali pignoramenti della retribuzione. Il cumulo può verificarsi in due distinte ipotesi, in relazione alle quali il legislatore fissa precisi limiti quantitativi. Qualora la retribuzione del lavoratore sia già gravata da una trattenuta a titolo di pignoramento e ...
Pignoramento di stipendi, pensioni e indennità - Tips and Tricks
A proposito di pignoramento presso terzi, ed in particolare di pignoramento di stipendi e pensioni, rispettivamente presso datore di lavoro ed INPS, forse non tutti sanno che: la pensione di invalidità è impignorabile in quanto ha natura di sussidio; l'indennità di mobilità è impignorabile in quanto ha natura di sussidio; ...
Coesistenza fra pignoramento stipendio e cessione del quinto - calcolo delle quote pignorabili e cedibili
Cosa succede quando pignoramento dello stipendio e cessione del quinto si cumulano. Come si calcola la quota pignorabile quando il pignoramento dello stipendio è successivo ad una cessione del quinto. Le regole per determinare la quota cedibile che si applicano nel caso in cui, invece, la cessione del quinto dello ...
Pignoramento dello stipendio o della pensione come consolidamento debiti
Vorrei illustrarvi la mia attuale situazione debitoria alquanto complessa: praticamente ho una cessione del quinto e un prestito delega sullo stipendio.   Poi in virtù di investimenti sbagliati e bisogni economici impellenti ho stipulato vari rid bancari. Di cui tre particolarmente onerosi. Riesco a pagare facendo i cosidetti salti mortali. ...
Riduzione della retribuzione ed effetti sulla cessione del quinto
Qualunque vicenda che incida sulla misura della retribuzione può, in concreto, produrre effetti anche sulla cessione del quinto dello stipendio: si pensi, per esempio, alla trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale, all'irrogazione di una sanzione pecuniaria o di una sospensione per illecito disciplinare che decurti ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca