Pignoramento dello stipendio per un credito del ’96

Argomenti correlati:

A mio marito è stato pignorato lo stipendio ma non sapeva da chi: poi ha scoperto chi è il creditore e risale ad una causa chiusa nell’anno 1996. E’ possibile che chiedano ancora soldi dopo tutti questi anni?

A mio marito glieli hanno detratti dallo stipendio senza preavviso e siccome dal prossimo mese in busta gli trattengono una rata da 270,00 euro della assicurazione della macchina togliendo anche quel quinto di 347,00 euro, più’ 700,00 euro di affitto non si sa come andare avanti.

Cosa possiamo fare? Si può fare opposizione?

La domanda a cui rispondere è: il credito sancito da una sentenza pronunciata nel 1996 era prescritto nel momento in cui è stato notificato il precetto al datore di lavoro per il pignoramento dello stipendio di suo marito?

Diciamo che, in generale, un debito si prescrive in dieci anni se il creditore, prima della scadenza del termine decennale, non provvede a ricordare al debitore, con una notifica anche via raccomandata AR, che egli esige il dovuto.

E’ bene ricordare che una notifica con raccomandata AR può ritenersi correttamente notificata anche se il destinatario è temporaneamente assente quando passa il postino per la consegna.

In tale evenienza il postino lascia un avviso e poi riporta la comunicazione all’ufficio postale, dove resta a disposizione per l’eventuale ritiro da parte dell’interessato. Comunque, decorsi 10 giorni dall’inizio della giacenza, la notifica si intende correttamente perfezionata. Anche se il destinatario non trova l’avviso.

Tornando al problema di cui si discute, suo marito avrebbe dovuto ricevere a casa almeno la notifica del precetto. Cosa che non è avvenuta. Ora l’omessa notifica del precetto potrebbe costituire motivo di opposizione al giudice delle esecuzioni. Ma si dovrebbe essere sicuri, come si diceva in premessa, che la notifica non è stata perfezionata per compiuta giacenza. In ogni caso l’omessa notifica comporterebbe la nullità dell’attuale pignoramento in corso, ma solo per il tempo necessario al creditore a notificare il precetto a suo marito ed al datore di lavoro. In pratica guadagnereste, se va bene, solo un paio di mesi.

Il focus della questione verte, invece, in modo più radicale, ad accertare se il debito è prescritto. In questo caso il creditore non potrebbe pignorare lo stipendio a suo marito nè domani, nè mai. E, non risulterebbe legittimo il pignoramento effettuato ieri.

Ora, escluso che il creditore possa esibire le eventuali ricevute di ritorno delle comunicazioni di messa in mora su richiesta del debitore, l’unico modo per accertare l’intervenuta prescrizione del credito, per il quale è stata avviata l’azione esecutiva di pignoramento del quinto dello stipendio, è quello di presentare opposizione, con il necessario supporto di una avvocato, al giudice delle esecuzioni. Solo così il creditore sarà costretto a mostrare, se le ha, le prove delle comunicazioni indirizzate al debitore e finalizzate ad interrompere gli effetti prescrittivi del credito vantato.

Il rischio che si corre è quello di dover corrispondere all’avvocato la parcella e venire a sapere che le comunicazioni interruttive della prescrizione furono correttamente notificate per compiuta giacenza.

A voi, dunque, valutare la convenienza di opporsi all’intervenuto pignoramento.

4 Maggio 2015 · Piero Ciottoli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pignoramento dello stipendio senza preavviso
Oggi mio marito si e trovato nella busta paga una sottrazione di 1/5 pignoramento, senza sapere come mai. Mio marito non ha bisogno di finanziamenti e quindi non ne ha mai richiesti. Ci chiediamo come mai hanno sottratto questa somma di denaro pari a 347 euro, senza avvisarci. Cosa possiamo fare x fare valere le nostre ragioni? Si può'denunciare l'azienda per aver sottratto la cifra senza preavviso? ...

Debito con finanziaria per prestito personale - Temo pignoramento del conto corrente dello stipendio e della casa
A seguito di gravi difficoltà economiche non riusciamo più a pagare le rate di un prestito personale decennale con una finanziaria. Il debito era di 50.000 euro, abbiamo pagato 7 rate di 744 euro ciascuna e siamo in arretrato di 4 rate. Abbiamo comunicato per iscritto alla Banca (tramite un legale di un'associazione di consumatori) di voler pagare ma con una rata più bassa di massimo 400 euro in quanto abbiamo anche la rata del mutuo di 500 euro e a fronte di 1500 euro di stipendio non riusciamo più a vivere. Da parte della finanziaria finora nessuna risposta. Continuano ...

Pignoramento dello stipendio quando una parte rilevante è destinata a servire un credito alimentare
Dipendente con stipendio di 1200: vengono decurtati cessione 1/5 di 240, trattenuta sullo stipendio di 700 euro per alimento figli minori (emanato dal giudice presso datore di lavoro dopo accordo transattivo tra le parti, quindi nessun pignoramento in corso) rimanenza 260 stipendio in busta. Chiedo se ulteriori creditori vedi banche possono vedere soddisfatto il loro credito con pignoramento. Ho letto che i crediti alimentari non posso essere pignorati e quindi in questo caso il giudice non può autorizzare ulteriori pignoramenti in quanto lo stipendio è già occupato per più della metà. Questo che ho letto è vero? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pignoramento dello stipendio per un credito del ’96