Debiti in italia e residenza estera

Argomenti correlati:

Dopo aver contratto molti debiti in italia, e non riuscendo più a fare fronte al pagamento di questi, preso dal panico, dallo sconforto, o per meglio dire dalla disperazione sono scappato all’estero, per tentare di intraprendere una nuova vita. Ora sono in portogallo, e ho un normale contratto di lavoro con una azienda portoghese a tempo determinato di 6 mesi che si rinnova di sei mesi in sei mesi.

Una finanziaria con la quale avevo contratto un debito di circa 20000 euro, ha ceduto il cedito a una agenzia di recupero crediti e questa mi ha inviato una lettera, in portogallo, dove ora ho residenza, nella quale mi si intimava a pagare, o procedevano con il pignoramento di conti bancari, e del quinto di stipendio.

Volevo sapere se possono pignorarmi il conto portoghese, e il quinto di stipendio che ricevo da una ditta portoghese.

In teoria sarebbe possibile attivare azioni esecutive nei suoi confronti, affidandosi ad un pool di avvocati del posto che potrebbero presentare istanza finalizzata al pignoramento dello stipendio e del conto corrente ad un giudice portoghese, secondo le norme vigenti in quel paese.

Dopo aver, naturalmente, seguito scrupolosamente le procedure previste da qualche trattato bilaterale (ammesso che esista) o da direttive in ambito UE per la mutua assistenza al recupero crediti, e dopo aver effettuato la traduzione di tutte le carte processuali.

A quel punto,  se ciò accadesse,  sarebbe evidente pensare che lei non ci ha raccontato tutto:  lasciando l’Italia, per “riparare all’estero”, oltre ai 20 mila euro, deve essersi portato via anche la moglie (o la figlia) del creditore.

21 Febbraio 2012 · Giorgio Valli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Debiti e pignoramento del conto corrente dove viene accreditato lo stipendio
Sono una ex artigiana, ho contratto dei debiti Inps, Inail e derivati dell'emissione di fatture non regolari: ora sono dipendente a tempo determinato, il conto banco Posta mi è stato pignorato. L'intenzione è quella di regolarizzare (cessione del quinto, ristrutturazione del debito o simili) una volta avuto il contratto a tempo indeterminato. Nel frattempo come posso percepire lo stipendio? Posso aprire un nuovo c/c, magari online? Posso star sicura che mi verrà pignorato solo un quinto e non bloccato tutto il conto corrente? ...

Quando un cittadino straniero è obbligato a denunciare i propri redditi al fisco italiano?
Cittadino italiano sposato con cittadina russa con matrimonio riconosciuto in Italia in regime di separazione dei beni. Abbiamo un figlio nato in Italia. Siamo tutti residenti in Italia presso abitazione dei miei due genitori. Da due anni viviamo in Portogallo dove abbiamo preso la residenza (e mia moglie un permesso di soggiorno portoghese) ma non ho iscritto me e mio figlio all'Aire per evitare che il mio stipendio portoghese possa esser attaccato da creditori pubblici e privati (una impresa individuale finita malissimo), visto che ci sono già ingiunzioni per decine di migliaia d euro ed a casa dei miei è ...

Debiti in Italia e residenza all'estero - Cosa rischio?
Sono un insegnante e ho contratto alcuni debiti con banca e finanziarie: ma non riesco ad andare avanti. La mia idea è quella di andare in Russia con mia moglie, e lì ottenere il permesso di soggiorno. Quando l'istituto di credito si accorgerà che la mia Amministrazione mi ha giustamente licenziato, cosa può succedermi? Non ho debiti col fisco e, oltretutto, sono nullatenente. Mia moglie mi ha spiegato che è praticamente impossibile recuperare il mio credito dalla Russia, non so. Vorrei chiarimenti. ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Debiti in italia e residenza estera