Pignoramento presso terzi - I tempi dopo la notifica della comunicazione di decadenza dal beneficio del termine

Siamo stati contattati oggi dalla finanziaria alla quale siamo debitori di una notevole somma: mi viene comunicato che, visto che non c'è la possibilità di procedere con il rifinanziamento, verrà inviata comunicazione con la decadenza del beneficio del termine. Poi sicuramente ci sarà precetto e azione esecutiva, anche se mi hanno detto che non sarà una cosa in tempi brevi. Quindi vorrei chiedervi per cortesia, cosa si intende per non brevi termini? Supponiamo che riceva la DBT il 20 gennaio 2016, quanto tempo passa prima che ci sia l'effettivo pignoramento del quinto dello stipendio? Potrebbero anche prelevare già il quinto senza che il giudice abbia deciso l'importo?

Non è possibile quantificare i tempi entro i quali il creditore riuscirà ad ottenere il pignoramento dello stipendio, una volta che sia stata notificata al debitore la comunicazione di decadenza dal beneficio del termine (DBT).

Con la comunicazione di DBT, il contratto di finanziamento con rimborso rateale viene risolto, in ragione della perdurante morosità del debitore: quest'ultimo sarà chiamato a restituire l'importo residuo, in unica soluzione, entro un determinato periodo di tempo.

Scaduto tale termine, il creditore dovrà valutare la convenienza economica di procedere coattivamente tramite azione esecutiva (presentazione del ricorso per decreto ingiuntivo) con conseguente (i tempi dipendono anche da eventuale opposizione al decreto ingiuntivo eccepita dal debitore) notifica del precetto al debitore ed al suo datore di lavoro.

Non si può escludere che venga prima esperito un tentativo stragiudiziale o che il credito sia ceduto ad altri dopo averlo postato a perdita (tipicamente una società di recupero crediti).

Anche nel caso di azione esecutiva giudiziale, i tempi dipendono variano molto in ragione della determinazione del creditore procedente e di chi lo assiste tecnicamente, dei carichi di lavoro del Tribunale e del giudice adito, della eventuale opposizione proposta dal debitore.

Il campanello d'allarme, per un imminente pignoramento dello stipendio nel giro di qualche mese, potrà cominciare a squillare appena le verrà notificato il ricorso per decreto ingiuntivo proposto dal creditore (quello originario o quello cessionario).

Ciò che possiamo dire è che, non trattandosi di recupero crediti esattoriali affidati ad Equitalia, per poter prelevare il 20% dal suo stipendio netto, il creditore procedente dovrà passare necessariamente da un giudice.

17 dicembre 2015 · Roberto Petrella

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento presso terzi

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Bollo auto - il termine di decadenza per la notifica della cartella esattoriale è triennale
In materia di bollo auto (tassa automobilistica), la cartella esattoriale deve essere notificata al contribuente, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del terzo anno successivo a quello in cui l'accertamento è divenuto definitivo. In tema di bollo auto, il relativo procedimento di riscossione (formazione e notifica della cartella ...
Pignoramento presso terzi » Ecco cosa cambia con la riforma della giustizia
Con la riforma della giustizia, sono state attuate nuove disposizioni relative al pignoramento presso terzi: ecco cosa cambia in materia di foro competente e dichiarazione del terzo. Come accennato nell'incipit, grazie alla riforma giustizia, sono state modificate le norme relative al pignoramento presso terzi e, più precisamente, quelle riferite alla ...
Fermo tecnico » Non c'è risarcimento se auto è riparata in tempi brevi
A seguito di un sinistro, se un'automobile viene rimessa brevemente in condizione di essere utilizzata, il danneggiato non può richiedere, all'assicurazione del danneggiante, il danno da fermo tecnico del veicolo. Lo ha sancito la Corte di Cassazione, che con la sentenza numero 9626/13, ha sancito che: Il basso importo della ...
Pignoramento dello stipendio o della pensione come consolidamento debiti
Vorrei illustrarvi la mia attuale situazione debitoria alquanto complessa: praticamente ho una cessione del quinto e un prestito delega sullo stipendio.   Poi in virtù di investimenti sbagliati e bisogni economici impellenti ho stipulato vari rid bancari. Di cui tre particolarmente onerosi. Riesco a pagare facendo i cosidetti salti mortali. ...
Controlli automatici e formali della dichiarazione dei redditi » Rateazione e decadenza dal beneficio
Il versamento delle somme dovute in seguito ai controlli automatici e ai controlli formali delle dichiarazioni dei redditi può essere rateizzato. Le rate sono trimestrali, di pari importo o di importo decrescente. Sulle rate successive alla prima sono dovuti gli interessi al tasso del 3,5% annuo. Per comunicazioni di irregolarità ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca