Come funziona il pignoramento presso la residenza o il domicilio del debitore quando questi convive con un soggetto non debitore?

In caso di convivenza di A e B: convivente A è a rischio di pignoramento da parte di un privato, mentre il convivente B è il proprietario della casa e dei mobili.

Per la casa, basta mostrare l’atto di acquisto intestatario B. E’ vero che non basta esibire le fatture intestate a B per evitare il pignoramento dei mobili, ma serve la data certa delle fatture? E come si può avere la data certa visto che la posta non svolge più questo servizio?

Per quanto attiene il pignoramento presso la residenza o il domicilio del debitore, vale il principio della presunzione legale di proprietà: tutto quello che si trova nella casa in cui vive il debitore e’ di proprietà del debitore stesso.

Le conseguenze derivanti dal principio appena enunciato, qualora il debitore sia ospitato da un terzo proprietario dei bei presenti nell’appartamento, possono essere limitate con la stipula di un contratto di comodato d’uso, registrato presso l’Agenzia delle entrate, sia dell’appartamento (o dei locali dell’appartamento occupati dal debitore) che dei beni (mobili, arredi, elettrodomestici, impianti di servizio e quant’altro) in tali spazi collocati. In alternativa può essere esibita una scrittura privata inerente la concessione, in comodato d’uso, di locali ed arredi, purché con data certa (anteriore alla data di pignoramento) e, quindi, necessariamente autenticata da un pubblico ufficiale o da un notaio. Se, invece, chi ospita il debitore presso la propria abitazione conserva le ricevute o le fatture d’acquisto degli arredi presenti nell’abitazione, tali documenti saranno sufficienti per essere esibiti, come vedremo, in sede di opposizione del terzo all’esecuzione.

Infatti, così come è stato stabilito dalla Corte di cassazione (sentenza 23625/12), l’attività svolta dall’ufficiale giudiziario in sede di un eventuale pignoramento mobiliare é meramente esecutiva, e deve ritenersi preclusa al medesimo qualsiasi valutazione giuridica dei titoli (contratto registrato, scrittura privata autenticata, fatture d’acquisto) di appartenenza dei beni da sottoporre al pignoramento eventualmente esibiti dal debitore, rimanendo a disposizione degli eventuali terzi proprietari lo strumento processuale dell’opposizione all’esecuzione.

In altre parole, l’ufficiale giudiziario potrebbe, anche a fronte dell’esibizione del contratto di comodato registrato da parte del debitore esecutato (così come della scrittura autenticata o delle fatture d’acquisto) procedere comunque al pignoramento (magari lasciando in custodia i beni pignorati al debitore stesso).

Al verificarsi di una simile circostanza, il comodante sarebbe costretto a rivolgersi ad un un avvocato per presentare, al giudice delle esecuzioni, istanza di liberazione dei beni pignorati al debitore dall’ufficiale giudiziario, allegando il contratto di comodato sottoscritto e registrato, la scritture privata autenticata o le fatture d’acquisto di mobilia ed elettrodomestici.

Riepilogando, l’ufficiale giudiziario, esaminato la documentazione esibita dal debitore e ispezionati i locali, dovrebbe andare via e redigere un verbale di pignoramento infruttuoso. Ma, non e’ escluso che la questione potrebbe complicarsi richiedendo l’intervento (e l’onorario) di un legale.

16 Novembre 2016 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Comodato d'uso mobili per evitare pignoramento presso residenza o domicilio del debitore
Ho diversi debiti verso Equitalia e finanziarie, ho appena cambiato casa lasciando la residenza per il momento nella casa precedente. Nella casa dove risiedo attualmente con i miei due figli è in affitto ed il contratto è intestato a me, tutti i mobili me li ha dati/comprati mia mamma, come posso metterli al riparo da un probabile pignoramento? Meglio una scrittura con l'elenco depositata all'Agenzia delle entrate o meglio chiedere una perizia asseverata da un consulente tecnico dell'ufficio del tribunale? ...

Possibile pignoramento presso la residenza del debitore - Come evitare lo stress ai genitori con cui il debitore convive?
Anni fa fui seguito da un avvocato d'ufficio per un procedimento penale: tutto si è concluso, questo avvocato non si è mai più fatto sentire, non mi ha mai mandato comunicazione del suo compenso, tanto che mi ero pure dimenticato della cosa, fino a che nei giorni scorsi mi è stato notificato un decreto ingiuntivo, che ho fatto leggere ad un avvocato e mi ha detto che ho 10 giorni per pagare. Ora, constatato che non ho soldi per pagare, sono disoccupato da molti anni e soprattutto che vanta un credito nei miei riguardi non vuole in nessun modo accordarsi, ...

Decreto ingiuntivo precetto e convivenza fra il debitore e la propria compagna » Come funziona il pignoramento presso la residenza o il domicilio del debitore
Il quesito riguarda il precetto che seguirà al decreto ingiuntivo che mi è stato notificato a seguito del mancato rimborso del prestito acceso nel 2006 ed ora in mano ad Ifis; fermo restando che sono non occupato, nullatenente e possessore di un conto postale nel quale si trovano mediamente 200 €, volevo domandare se la mia convivente, presso la cui abitazione risiedo e che sostiene entrambi con la sua pensione, non si trovi nella sgradevole situazione di dover far fronte a richieste di qualsiasi tipo ( anche solo di dover dimostrare di aver pagato i mobili o gli elettrodomestici della ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Come funziona il pignoramento presso la residenza o il domicilio del debitore quando questi convive con un soggetto non debitore?