Pignoramento dei beni del debitore residente presso immobile non frazionato

Vivo in una casa di proprietà dei miei suoceri suddivisa in tre appartamenti: vivo con la mia famiglia in uno di questi appartamenti con mio marito ed i nostri figli, in regime di separazione dei beni.

Il nostro contratto di comodato d'uso non è stato registrato. Ora io rischio il pignoramento e volevo sapere se oltre che nel nostro appartamento dove viviamo ed ho la residenza potrebbero cercare beni da pignorare anche presso i miei suoceri. Quali soluzioni potrei avere?

Se è stato effettuato il frazionamento, ovvero se la divisione dell'immobile originario in più appartamenti risulta al catasto e dai registri anagrafici vengono fuori tre famiglie residenti in tre unità abitative classificate con numeri interni diversi del medesimo stabile, l'ufficiale giudiziario dovrà limitare la ricerca dei beni del debitore esclusivamente all'appartamento occupato dal debitore.

Altrimenti, la ricerca dei beni da pignorare potrà estendersi all'intero edificio cui corrisponde l'unico numero civico di residenza del debitore: ma la cosa più preoccupante è che, qualora l'ufficiale giudiziario pignorasse beni di proprietà dei conviventi con il debitore (i suoceri, nella fattispecie), non potrà essere esperito, successivamente, alcun ricorso presso il giudice dell'esecuzione del tribunale territorialmente competente, per la loro liberazione.

Infatti, non essendo stato registrato il contratto di comodato, quest'ultimo non risulta avere data certa. Pertanto, se l'atto di pignoramento presso la residenza del debitore non è stato ancora notificato - preannunciando l'imminente visita dell'ufficiale giudiziario - conviene registrare il contratto presso l'Agenzia delle Entrate.

In ogni caso, sempre nell'ipotesi che la divisione in tre appartamenti dell'immobile non sia stata accatastata e non risulti registrata all'anagrafe della popolazione residente, il suggerimento è di trasportare altrove i beni di valore pignorabili, dal momento che - per il ricorso al giudice dell'esecuzione, finalizzato alla liberazione dei beni concessi in comodato al debitore o non concessi in comodato ma di proprietà di terzi (sempre i suoceri) - occorre un avvocato e bisogna sostenere spese giudiziarie.

24 novembre 2018 · Giorgio Martini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

contratto di comodato in previsione di pignoramento presso residenza debitore
pignoramento presso residenza debitore e presunzione legale di proprietà – problematiche e possibili precauzioni

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca