Possono pignorare la pensione integrativa dopo precedente pignoramento sulla pensione inps?

Posto che la pensione Inps attualmente erogata è già soggetta al pignoramento della quota di 1/5, nel caso in cui sia percepita in un secondo momento la pensione integrativa di un fondo pensionistico, quali regole sono applicate nel caso di un nuovo pignoramento?

In particolare, nel caso in cui la pensione integrativa sia inferiore alla pensione sociale, in che misura potrà essere pignorata?

Per rispondere al quesito procediamo con un esempio, tuttavia senza stare a spaccare il centesimo, nel senso che considereremo il minimo impignorabile della pensione, pari alla misura massima mensile dell'assegno sociale aumentato della metà (come prevede l'articolo 545 del codice di procedura civile) corrispondente a 750 euro (in pratica consideriamo l'assegno sociale essere di 500 euro per facilità di calcolo, anche se in realtà l'importo è minore).

La pensione erogata dall'INPS e quella integrativa pagata dal fondo assicurativo a cui il debitore a suo tempo ha aderito, costituiscono un unicum, nel senso che se la pensione INPS è di 2 mila euro e quella integrativa di mille euro, dobbiamo ragionare, nel contesto dell'azione giudiziale di riscossione coattiva, come se il debitore percepisse una pensione di 3 mila euro. E, purtroppo, la tutela del minimo vitale, ovvero la quota impignorabile, pari alla misura massima mensile dell'assegno sociale aumentato della metà, si applica all'intero importo percepito come trattamento pensionistico e non alle singole frazioni erogate da soggetti diversi (INPS e Fondo nella fattispecie).

Orbene, fatta questa premessa, supponiamo che la pensione INPS sia stata già pignorata per debiti ordinari nella misura massima del 20% (sulla quota pignorabile, naturalmente): se non sbagliamo i conti, l'INPS dovrebbe trattenere il 20% di 1250 euro, cioè 250 euro.

Successivamente, immaginiamo che arrivi la pensione integrativa: si forma, così, nuova capienza, anche per il pignoramento riconducibile a crediti della stessa natura di quelli azionati dal primo creditore procedente.

Infatti, adesso, la pensione percepita dal debitore è di tremila euro, con quota pignorabile di 2.250 euro per un prelievo massimo (il 20%) di 450 euro. Ciò vuol dire che il nuovo creditore procedente, per debiti di natura ordinaria, potrà prelevare forzosamente dalla pensione, senza rischiare di subire fruttuosa opposizione al giudice dell'esecuzione da parte del debitore esecutato, ancora 200 euro/mese (che potranno essere chiesti al fondo che gestisce la pensione integrativa o all'INPS, secondo le determinazioni del giudice adito).

In pratica il debitore esecutato che percepisce un'unica pensione non può essere trattato, ai fini dell'escussione forzata, in modo diverso da chi percepisce lo stesso importo, erogato però da più soggetti.

30 maggio 2017 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento pensione
pignoramento pensione integrativa

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Trattenute sulla pensione per il recupero di pagamenti non dovuti - L'INPS può prelevare il 20% solo sull'importo che eccede il minimo vitale
In tema di indebito previdenziale, l'Inps, salvo il diritto di chiedere la restituzione del pagamento non dovuto, può recuperare gli indebiti e le omissioni contributive anche mediante trattenute sulla pensione, in via di compensazione, col duplice limite che la somma oggetto di cessione, sequestro, pignoramento o trattenuta non superi la ...
Pignoramento indennità di disoccupazione
L'indennità di disoccupazione ha natura previdenziale: l'articolo 38 comma 2 della Costituzione dispone, infatti, che i lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione involontaria. Ed infatti, con la sentenza 85/2015 la Corte costituzionale ...
Quando il pignoramento di stipendi e pensioni è effettuato direttamente da Equitalia
Le somme dovute a titolo di pensione, di stipendio, di salario o di altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego, comprese quelle dovute a causa di licenziamento, possono essere pignorate dall'agente della riscossione in misura pari ad un decimo per importi fino a 2.500 euro e in ...
La Consulta ribadisce la legittimità del minimo vitale impignorabile previsto solo per la pensione e non per lo stipendio
Il Tribunale ordinario di Viterbo, in funzione di giudice dell'esecuzione aveva sollevato questione di legittimità costituzionale dell'articolo 545 del codice di procedura civile nella parte in cui non prevede l'impignorabilità assoluta di quella parte della retribuzione necessaria a garantire al lavoratore i mezzi indispensabili alle sue esigenze di vita, e, ...
La pensione sociale (o assegno sociale) - come ottenerla
La pensione sociale, o assegno sociale, è una prestazione di carattere assistenziale che prescinde del tutto dal versamento dei contributi e spetta ai cittadini che si trovino in condizioni economiche disagiate ed abbiano situazioni reddituali particolari previste dalla legge. Il diritto alla prestazione è accertato in base al reddito personale ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca