Pignoramento immobile in comunione

Se la banca creditrice della moglie (separata) del mio cliente pignora un immobile che ricade in comunione legale cosa si può fare? Preciso che non è stato dato alcun avviso al mio cliente! Deve essere fissata ancora l'udienza di vendita.

Inoltre il valore del credito è nettamente inferiore a quello del'immobile e il fascicolo lo detiene il giudice per sciogliere una riserva e non posso prendere visione degli atti, e il mio cliente non è costituito in quanto è venuto a conoscenza del fatto per via indiretta.

Preciso che il mio cliente è interessato ad avere l'immobile e non il 50% del ricavato. Qual è l'intervento opportuno da attuare? Un'opposizione?

Com'è noto, nella comunione legale (a differenza di quanto avviene per la comunione ordinaria) i coniugi non sono individualmente titolari di un diritto di quota, bensì solidalmente titolari di un diritto avente per oggetto i beni della comunione. La quota non è un elemento strutturale della proprietà ma è solo la misura entro cui i beni possono essere aggrediti dai creditori particolari.

L'espropriazione dei beni della comunione per debiti gravanti in via principale sulla comunione legale si svolge secondo le regole ordinarie. Nel caso in cui l'obbligazione dei coniugi sia stata assunta congiuntamente non sorgono particolari problemi interpretativi; nel caso in cui, invece, l'obbligazione sia stata contratta da uno solo dei coniugi, si ritiene che, ove dal titolo esecutivo si possa desumere il carattere comune dell'obbligazione, si potrà aggredire il bene comune per intero. L'espropriazione dovrà essere quella ordinaria sui beni del debitore per il coniuge contraente e sui beni del terzo proprietario per la parte di responsabilità che il coniuge non obbligato, e nemmeno responsabile, deve sopportare.

I beni della comunione oltre a garantire primariamente i debiti della famiglia, in via sussidiaria garantiscono, nei limiti della quota dell'obbligato, i debiti contratti personalmente dal coniuge, conclusi senza il consenso dell'altro ed eccedenti il patrimonio personale del coniuge debitore. Viene, tuttavia, generalmente escluso che possa essere fatto carico al creditore procedente non solo di esperire preventivamente e con esito negativo l'azione esecutiva sui beni personali del coniuge obbligato, ma anche di compiere indagini. Si ritiene che sia il coniuge non debitore a dover eccepire l'esistenza di beni personali dell'altro coniuge, da aggredire preventivamente.

Nel caso in cui il creditore proceda per debiti contratti personalmente da uno dei coniugi, dunque, il coniuge non esecutato può opporsi all'esecuzione:

  1. eccependo l'esistenza di beni personali dell'altro coniuge, da aggredire preventivamente;
  2. contestando l'eventuale lesione della propria quota;
  3. chiedendo la sospensione del processo esecutivo e la separazione giudiziale dei beni.

1 marzo 2015 · Marzia Ciunfrini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento ed espropriazione di beni ricadenti nella comunione legale

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Vendita con riserva di proprietà » Come acquistare la prima casa senza mutuo
Acquistare casa senza mutuo è possibile, con la vendita con riserva di proprietà: questo particolare espediente permette di prendere subito possesso della casa, per il semplice fatto che la proprietà resta al venditore fino alla fine dei pagamenti. Ma vediamo come funziona nel dettaglio. Vendita con riserva di proprietà » ...
Pignoramento di un immobile inserito in un fondo patrimoniale » Rientrano fra i bisogni della famiglia le bollette condominiali
Può essere disposto il pignoramento per una casa, inserita in un fondo patrimoniale, a causa di debiti contratti per oneri condominiali non corrisposti. Sono soggetti a esecuzione forzata i beni del fondo patrimoniale in caso di debiti contratti per i bisogni della famiglia tra i quali rientra il mancato pagamento ...
Il debitore può impugnare la cartella di pagamento della quale sia venuto a conoscenza solo attraverso un estratto di ruolo
Il debitore può impugnare la cartella di pagamento della quale, a causa dell'invalidità della relativa notifica, sia venuto a conoscenza solo attraverso un estratto di ruolo rilasciato su sua richiesta dal concessionario della riscossione. Ora, la legge (articolo 19 decreto legislativo 546/1992) prevede che la mancata notifica di atti autonomamente ...
Successione: prescrizione dell'azione del legittimario che contesta precedenti donazioni fatte in vita dal de cuius, anche simulate come vendite a titolo oneroso
Qualora l'erede agisca come legittimario a tutela della quota di riserva, proponendo domanda di riduzione di atti di trasferimento a titolo oneroso, previo accertamento della simulazione degli stessi in quanto dissimulanti donazione, il termine decennale di prescrizione dell'azione di simulazione decorre dal momento dell'apertura della successione, perché soltanto in tale ...
L'assegno di mantenimento non può essere rapportato al reddito di locazione dell'immobile, gravato da mutuo ipotecario, di proprietà del coniuge obbligato
L'assegnazione della casa familiare, rispondendo all'esigenza di conservare l'habitat domestico, inteso come il centro degli affetti, degli interessi e delle consuetudini in cui si esprime e si articola la vita familiare, è consentita unicamente con riguardo a quell'immobile che abbia costituito il centro di aggregazione della famiglia durante la convivenza, ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca