Auto acquistata da agente immobiliare dotato di partita IVA - Cosa rischio per debiti di natura esattoriale?

Sono un agente immobiliare e ho dei debiti con Equitalia: avevo fino a poco tempo fa un'auto molto vecchia che ho dovuto cambiare ed ora ho acquistato un'auto nuova, fatturata con la mia partita iva. Cosa può fare Equitalia sulla mia auto nuova, di un normale valore, in virtù del fatto che la uso per lavoro e cioè per la mia attività appunto di agente immobiliare? Se me la dovessero pignorare io non posso sicuramente più svolgere la mia attività.

L'articolo 515 del codice di procedura civile dispone, fra l'altro, che i beni indispensabili per l'esercizio della professione del debitore possono essere pignorati nei limiti di un quinto, quando il presumibile valore di realizzo degli altri beni rinvenuti dall'ufficiale giudiziario o indicati dal debitore non appare sufficiente per la soddisfazione del credito.

In particolare, poi, l'articolo 86, comma 2, del DPR 602/1973, in riferimento all'escussione coattiva di crediti esattoriali (quelli vantati dalla Pubblica Amministrazione) stabilisce che la procedura di iscrizione del fermo di beni mobili registrati è avviata dall'agente della riscossione con la notifica al debitore iscritti nei pubblici registri di una comunicazione preventiva contenente l'avviso che, in mancanza del pagamento delle somme dovute entro il termine di trenta giorni, sarà eseguito il fermo amministrativo, senza necessità di ulteriore comunicazione, salvo che il debitore, nel predetto termine, dimostri all'agente della riscossione che il bene mobile è strumentale all'attività della professione.

Atteso che pignorando e vendendo all'asta un veicolo usato, non di pregevole valore, con il il 20% del ricavato, il creditore non recupera nemmeno le spese di procedura, l'arma letale in mano al concessionario della riscossione resta l'iscrizione di fermo amministrativo sul veicolo.

Ma, come abbiamo visto, se, una volta notificato il preavviso di fermo amministrativo, nel termine di trenta giorni il debitore dimostra, documenti alla mano, che il veicolo è funzionale, come nel caso, alla propria attività professionale, il provvedimento di fermo non può essere iscritto.

Se ne conclude che, almeno per quanto riguarda la sua auto, può dormire sonni tranquilli.

1 ottobre 2018 · Paolo Rastelli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

fermo amministrativo
pignoramento veicolo
preavviso di fermo amministrativo

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Ipoteca esattoriale ed espropriazione immobiliare - limiti di importo e condizioni per procedere
In tema di iscrizione di ipoteca esattoriale ed espropriazione immobiliare, la legge numero 16/2012 (approvata il 2 marzo 2012) è intervenuta per fissare gli importi minimi dei debiti tributari per ipoteca ed espropriazione immobiliare. Iscrizione di ipoteca esattoriale L'ipoteca è una misura cautelare che garantisce il credito, attribuendo all'ente creditore ...
Pignoramento immobiliare esattoriale » Quando Equitalia può prendersi la vostra casa all'asta
Equitalia ed esecuzione forzata immobiliare: quando la casa non viene venduta nemmeno al terzo incanto, lo Stato può chiedere l'assegnazione diretta dell'immobile. Non tutti ne sono a conoscenza ma, come disposto dall'articolo 85 del DPR 602/1973, all'Agente della Riscossione è concesso prendere con la forza gli immobili degli evasori qualora ...
Il sub agente non comunica l'avvenuto pagamento del premio relativo ad una polizza RC auto, ma rilascia il contrassegno - La compagnia è tenuta comunque a risarcire il terzo danneggiato
Ove sia stata sottoscritta una polizza di assicurazione per la responsabilità civile auto e sia stato rilasciato all'assicurato l'apposito contrassegno (indicativo di una certa decorrenza e durata della garanzia) ma la compagnia assicurativa non abbia ricevuto il premio (o la prima rata di premio) stabilito nel contratto a causa del ...
Attestato di rischio digitale - Cosa è e a cosa serve
Dal 1° luglio 2015 non viene più inviato a casa l'attestato di rischio cartaceo, vale a dire il documento che rappresenta la nostra storia di assicurati, il nostro curriculum di automobilisti: infatti l'attestato di rischio è adesso consultabile online. Si tratta di una rivoluzione che coinvolge oltre 40 milioni di ...
Rc auto: attestato di rischio digitale (o telematico) » Cosa cambia ( e non) per gli automobilisti italiani
A partire dallo scorso 1 luglio 2015 è entrato in vigore il Regolamento dell'IVASS che corona le modifiche legislative degli ultimi anni legate alla scadenza delle polizze (non più con rinnovo automatico) e al rilascio degli attestati di rischio contenenti, tra le altre, informazioni sulla classe di merito maturata. Per ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca