Pignoramento e blocco del conto corrente - Risolvo mantenendo solo la delega ad operare e disporre?

Sono un cattivo pagatore con debiti non onorati risalenti al 2010 (circa) periodo di cessazione attività: ora non avendo un lavoro fisso percepisco piccoli pagamenti in contanti per lavoretti occasionali.

Domanda: per non rinunciare ad alcuni di questi perché pagherebbero SOLO tramite bonifico pensavo di apporre una delega al conto intestato solo a mia compagna (non siamo sposati) ma la mia paura è che possano bloccare il conto a causa mia e trattandosi di cifre basse poche centinaia di euro a oggi ci sto rinunciando.

Possono bloccare il conto se ho solo la delega?

Se lei mantiene la delega ad operare e disporre del conto corrente esclusivamente intestato alla sua compagna (dunque non cointestato), non corre alcun rischio di pignoramento, almeno per quanto riguarda quel rapporto. Il conto corrente, per essere pignorato a causa di inadempimenti del debitore, deve essere intestato al debitore. Non può essere pignorato al debitore esecutato un conto corrente intestato a terzi, di cui egli è solo delegato.

Temo, tuttavia, che coloro i quali esigono di potere effettuare un bonifico a saldo delle sue prestazioni, si rifiuteranno di trasferire il denaro sul conto corrente intestato ad un terzo. Indipendentemente dal fatto che lei abbia una delega ad operare e disporre su quel rapporto. Il disponente vedrebbe vanificata la propria esigenza di attestare l'avvenuto pagamento della prestazione e/o fornitura e non potrebbe eventualmente servirsi del bonifico ai fini fiscali.

Ai tempi, una possibile soluzione sarebbe stata quella di proporre uno sconto per pagamento in contanti della prestazione: ma a parte che la pratica è vietata dalla legge, molti committenti, soggetti giuridici, hanno comunque esigenza di giustificare le spese sostenute con bonifico o assegno non trasferibile.

Con un po' di pazienza si riesce comunque a gestire la situazione e a limitare i danni di un eventuale pignoramento del conto corrente prelevando continuamente il contante appena l'importo trasferito via bonifico diviene disponibile. Certamente non si tratta dell'opzione ideale e richiede perdite di tempo. Ma ha il vantaggio di garantire che, se proprio andasse male, si perde solo un bonifico (qualora sfortunatamente disposto e reso disponibile proprio poco prima la notifica del pignoramento alla banca).

5 ottobre 2017 · Simonetta Folliero

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento conto corrente e libretto di deposito

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Conto corrente cointestato a firma disgiunta - La delega ad un terzo può essere conferita solo congiuntamente
E' legittimo il comportamento della banca che, nel caso di un conto corrente cointestato a firma disgiunta, consente ad uno solo dei cointestatari di conferire ad un terzo soggetto delega ad operare e disporre del conto corrente? Com'è noto, in un conto corrente cointestato a firma disgiunta, tutti i cointestatari ...
Conto corrente cointestato - firma congiunta o disgiunta delega e pignoramento
Nel caso in cui il conto è intestato a più persone, la possibilità per i cointestatari di compiere operazioni anche separatamente (cosiddetta firma disgiunta) deve essere espressamente prevista dal contratto. Le condizioni contrattuali possono prevedere peraltro l'inversione di tale regola, precisando che in assenza di specifica disposizione deve presumersi che ...
Conto corrente cointestato » Pignoramento presso terzi e blocco integrale del saldo: è possibile?
E' corretto l'operato della banca che, a seguito della notifica di un atto di pignoramento presso terzi, sottopone al vincolo del pignoramento l'intero saldo del conto corrente, cointestato ed a firma disgiunta? Tra le procedure esecutive, quella del pignoramento presso terzi rappresenta senza dubbio quella più diffusa, dato che consente ...
Conto corrente - intestatari e delegati
Quando il rapporto di conto corrente è intestato a più persone con facoltà di compiere operazioni anche in modo disgiunto, le disposizioni relative al rapporto stesso, anche se relative alla sua estinzione, potranno essere effettuate da ciascun intestatario separatamente, con piena liberazione della Banca anche nei confronti degli altri cointestatari. ...
Pignoramento conto corrente » L'ultimo stipendio non si tocca
Il pignoramento, da parte di Equitalia, non si estende mai all'ultimo stipendio versato sul conto corrente intestato al lavoratore. Dopo 60 giorni dalla notifica della cartella esattoriale, in caso di pagamento non effettuato, l'Agente della riscossione (per esempio, Equitalia) può attivare il cosiddetto pignoramento presso terzi, una forma cioè di ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca