Mio fratello debitore dello Stato e comproprietario con me e nostra madre per quote dell'appartamento che fu di nostro padre - Cosa fare per evitare l'espropriazione?

Come un fulmine a ciel sereno ho saputo che mio fratello, titolare di ditta individuale, è debitore al fisco di una somma di quasi 300 mila euro, tra tasse non pagate e interessi vari, accumulatasi in vari anni. Lui abita in un appartamento in affitto con la sua famiglia. Nello stesso comune c'è la casa di proprietà dei nostri genitori, nella quale abita solo nostra madre. Nostro padre è scomparso alcuni anni fa.

Io risiedo in altro comune. Mio fratello è quindi comproprietario per 1/6 dell'appartamento. Io di un altro sesto e 4/6 di nostra madre. Ho letto che il giudice potrebbe pignorare non solo la quota del debitore, ma anche tutto l'appartamento, cosa che distruggerebbe la nostra vita. Cosa fare? Conviene che mio fratello prenda la residenza nell'appartamento di famiglia? Conviene che io ci riporti la mia residenza anagrafica, lasciando la mia casa in altro comune come seconda casa?

Se suo fratello debitore non possiede altre case, spostare la sua residenza nell'appartamento detenuto in comproprietà per un sesto potrebbe rappresentare una ottima soluzione tampone.

13 aprile 2018 · Paolo Rastelli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

casa - pignoramento espropriazione e vendita all'asta

Approfondimenti e integrazioni dal blog

In mezzo ad una strada per i debiti di mio padre
Trovandomi nel bel mezzo di una procedura di pignoramento immobiliare complicata da tortuose vicende familiari frammiste a quelle aziendali del comproprietario, avviata tramite citofonata e successivo deposito di lettera nella mia cassetta postale, devo esporre il mio caso per chiedere lumi agli esperti del forum. In sostanza, la casa con ...
Diritto di abitazione » Alla morte del padre la madre comproprietaria può far cacciare di casa il figlio che non contribuisce alle spese
Diritto di abitazione: morto il padre, la madre comproprietaria può far cacciare di casa la figlia che non contribuisce alle spese. In questi casi scatta, infatti, l'ordine di rilascio dell'immobile: se è intollerabile la convivenza, il diritto del coniuge superstite prevale sul compossesso della figlia che ha già redditi propri. ...
Agevolazione prima casa » Non si decade dal beneficio se la famiglia cresce ed è necessario acquistare un appartamento più grande
Non si decade dal beneficio dell'agevolazione prima casa se si è costretti ad acquistare un secondo appartamento a causa dell'allargamento della famiglia. Non deve dire addio alle agevolazioni fiscali prima casa il contribuente che possiede un altro immobile abitativo nello stesso Comune che però non è idoneo a soddisfare le ...
L'occhio del grande fratello - noi debitori siamo tutti rintracciabili
Nel campo del recupero crediti, oggi, per rintracciare un debitore non sempre è necessario incaricare una società investigativa: il più delle volte è sufficiente un accesso ad internet. Ad esempio, se di una persona si conosce solo il nome e il cognome, la prima ricerca da effettuare è su Google: ...
Pignoramento presso la residenza del debitore – precauzioni
Per l'Ufficiale Giudiziario, tutto quanto presente nell'appartamento in cui risiede il debitore è pignorabile, a meno che l'effettivo proprietario non riesca a produrre fattura nominativa dell'acquisto del singolo bene. Per risolvere il problema esistono diverse soluzioni. Una soluzione potrebbe consistere nella sottoscrizione di un contratto di locazione dell'appartamento ammobiliato (con ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca