Pignoramento dello stipendio e del TFR disposto dal giudice - Posso provare a raggiungere un accordo con il creditore?

Sono una lavoratrice stagionale, da 6 anni lavoro per la stessa ditta che mi assume più o meno da aprile fino a fine ottobre e a seguito di un debito risalente a prima del 2000 ho subito una sentenza di pignoramento. Il giudice ha disposto l'assegnazione del quinto stipendiale e del tfr da luglio fino alla fine del contratto in essere. La mia domanda è questa: finito il contratto cosa può succedere? Io avrei intenzione di contattare questo recupero credito e proporre o un saldo stralcio oppure dei versamenti volontari in modo da abbassare il debito, riprendendo poi il lavoro al massimo si potrebbe continuare con la trattenuta del quinto. Cosa mi consigliate di fare? Purtroppo anche se si tratta di un credito vecchio, per svariati motivi di famiglia non ho potuto seguire la cosa, dando priorità a risolvere altri problemi con Equitalia. Le cifre è ovvio sono lievitate, vorrei proporre un saldo stralcio di importo pari alla cifra originale.

L'accordo transattivo a saldo stralcio è tipicamente una soluzione quando lo si raggiunge in fase stragiudiziale, cioè prima che il creditore si rivolga al giudice per vedere sancito il suo diritto a procedere con riscossione coattiva.

Dopo la sentenza, e dopo che il debitore rinuncia alla facoltà di conversione del pignoramento (che offre al debitore la possibilità di saldare il dovuto in un'unica soluzione senza subire l'azione esecutiva), è molto difficile che il creditore accetti una somma inferiore a quella stabilita in sede di decreto ingiuntivo. A meno che non abbia immanenti esigenze di liquidità.

Peraltro l'opzione di fornire in acconto al creditore una somma che diminuisca il debito (un acconto) non sembra, a questo punto, molto vantaggiosa per il debitore

7 settembre 2018 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

accordo transattivo a saldo stralcio
pignoramento stipendio

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pignoramento dello stipendio o della pensione come consolidamento debiti
Vorrei illustrarvi la mia attuale situazione debitoria alquanto complessa: praticamente ho una cessione del quinto e un prestito delega sullo stipendio.   Poi in virtù di investimenti sbagliati e bisogni economici impellenti ho stipulato vari rid bancari. Di cui tre particolarmente onerosi. Riesco a pagare facendo i cosidetti salti mortali. ...
Contratti di prestito – cessione del quinto dello stipendio
La cessione del quinto dello stipendio è un prestito non finalizzato all'acquisto di uno specifico bene o servizio ed è disciplinato dalla normativa sul credito al consumo. Il prestito attraverso la cessione del quinto dello stipendio può essere richiesto esclusivamente dal lavoratore dipendente, sia pubblico che privato, il quale ottiene ...
Pignoramento e cessione dello stipendio per agenti di commercio e rappresentanti
L'istituto della cessione del quinto del compenso da lavoro ed il relativo limite alla pignorabilità dello stesso nella misura di 1/5 sono applicabili agli agenti di commercio? In tema di espropriazione forzata presso terzi, le leggi concernenti il sequestro, il pignoramento e la cessione di stipendi, salari e pensioni dei ...
Cosa accade se il datore di lavoro non versa al creditore le trattenute prelevate dallo stipendio del debitore per il rimborso del prestito dietro cessione del quinto
Il contratto di finanziamento estinguibile mediante cessione di quote di stipendio è una tipica forma di finanziamento che consente al soggetto richiedente (il lavoratore dipendente) di disporre, in tempi brevi, delle somme di cui necessita, per poter poi restituire gli importi richiesti nel corso degli anni mediante una trattenuta mensile ...
Cessione del quinto dello stipendio e trattamento di fine rapporto - problematiche
I contratti di cessione del quinto dello stipendio prevedono, in caso di risoluzione del rapporto di lavoro per qualsiasi causa, quando ancora non è stato estinto il debito contratto con la finanziaria, che il datore di lavoro trattenga e versi al creditore l'ammontare dell'intero trattamento di fine rapporto (TFR) dovuto ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca