Pignoramento dello stipendio e del TFR disposto dal giudice – Posso provare a raggiungere un accordo con il creditore?

Sono una lavoratrice stagionale, da 6 anni lavoro per la stessa ditta che mi assume più o meno da aprile fino a fine ottobre e a seguito di un debito risalente a prima del 2000 ho subito una sentenza di pignoramento. Il giudice ha disposto l’assegnazione del quinto stipendiale e del tfr da luglio fino alla fine del contratto in essere. La mia domanda è questa: finito il contratto cosa può succedere? Io avrei intenzione di contattare questo recupero credito e proporre o un saldo stralcio oppure dei versamenti volontari in modo da abbassare il debito, riprendendo poi il lavoro al massimo si potrebbe continuare con la trattenuta del quinto. Cosa mi consigliate di fare? Purtroppo anche se si tratta di un credito vecchio, per svariati motivi di famiglia non ho potuto seguire la cosa, dando priorità a risolvere altri problemi con Equitalia. Le cifre è ovvio sono lievitate, vorrei proporre un saldo stralcio di importo pari alla cifra originale.

L’accordo transattivo a saldo stralcio è tipicamente una soluzione quando lo si raggiunge in fase stragiudiziale, cioè prima che il creditore si rivolga al giudice per vedere sancito il suo diritto a procedere con riscossione coattiva.

Dopo la sentenza, e dopo che il debitore rinuncia alla facoltà di conversione del pignoramento (che offre al debitore la possibilità di saldare il dovuto in un’unica soluzione senza subire l’azione esecutiva), è molto difficile che il creditore accetti una somma inferiore a quella stabilita in sede di decreto ingiuntivo. A meno che non abbia immanenti esigenze di liquidità.

Peraltro l’opzione di fornire in acconto al creditore una somma che diminuisca il debito (un acconto) non sembra, a questo punto, molto vantaggiosa per il debitore

7 Settembre 2018 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pignoramento in corso dello stipendio - Posso proporre al creditore un accordo a saldo stralcio?
Come si scrive una proposta di saldo e stralcio avendo un pignoramento dello stipendio? So che andava fatto prima ma vorrei provare lo stesso. ...

Pignoramento dello stipendio ridotto durante la maternità quando il giudice ha precedentemente disposto il prelievo di un importo fisso
Il mese scorso ho avuto la sentenza del giudice di un pignoramento presso terzi di 215 euro al mese fissi, che corrisponde in media a un quinto dello stipendio. Una settimana fa ho scoperto di essere incinta, essendo il mio uno di quei lavori considerati a rischio, sono già a casa in maternità e sarà così per quasi un anno. Essendo la mia paga base di 1096 euro netti al mese e avendo una cessione volantaria di 200 euro al mese contratta anni fa e che termina fra 18 mesi, l'azienda mi ha già detto che purtroppo continuerà il pignoramento ...

Nuovo pignoramento dello stipendio e accantonamento del quinto in attesa della decisione del giudice
Ho già un quinto dello stipendio pignorato: so che se arrivassero altre ingiunzioni andrebbero in coda. Quello che volevo sapere è : se il mio datore di lavoro riceve una seconda richiesta di pignoramento è obbligato ad eseguirla? So che mi verrà pignorato il secondo quinto fino a sentenza del giudice e poi le cifre accantonate mi verranno restituite, ma intanto per qualche mese mi verranno tolti 2/5 anzichè uno. Cosa dice la legge a proposito? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pignoramento dello stipendio e del TFR disposto dal giudice – Posso provare a raggiungere un accordo con il creditore?