Pignoramento dello stipendio di mio marito da parte di BANCA IFIS – Perché il datore di lavoro consiglia le dimissioni?

Argomenti correlati:

Mio marito ha ricevuto un precetto da Banca IFIS di un valore di circa 11 mila euro: si tratta di un debito che avevano con Agos, per un importo originario di 5 mila euro. Questi 11 mila euro dovevano essere pagati in massimo 10 giorni.

Non avendo la possibilità di pagare è arrivato un atto di pignoramento presso terzi con un saldo da pagare di 17 mila euro. Adesso che succederà?

Io sono casalinga, abbiamo due figlie minorenni e lavora solo mio marito che percepisce 1500 euro al mese. Il datore di lavoro di mio marito lo ha consigliato di licenziarsi. Che dobbiamo fare?

Probabilmente il datore di lavoro ha proposto a suo marito di presentare le dimissioni, con l’intesa di proseguire il rapporto di lavoro in nero, in modo da evitare il prelievo del 20% dal suo stipendio, da rigirare a Banca IFIS.

Si tratta, tuttavia, di un grosso rischio: infatti, con questa soluzione, pur potendo eludere momentaneamente il pagamento della quota di retribuzione destinata al creditore procedente, il debito resta e suo marito si troverebbe alla mercé del datore di lavoro che potrà interrompere il rapporto a suo piacimento oppure modificare unilateralmente le condizioni contrattuali della prestazione (orario di lavoro e importo in busta paga). Inoltre, suo marito non fruirebbe più dei contributi previdenziali a suo favore posti a carico del datore di lavoro e quest’ultimo, immagino, riserverebbe, esclusivamente a proprio vantaggio, le ritenute fiscali di legge che avrebbe dovuto versare come sostituto d’imposta.

Insomma, il consiglio non mi sembra affatto da seguire. Meglio stringere la cinghia, mantenere il posto di lavoro senza presentare le dimissioni e lasciare che 300 euro/mese vengano dirottati a Banca IFIS.

17 Febbraio 2018 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pignoramento dello stipendio presso terzi - Il datore di lavoro può licenziare mio marito?
In riferimento a questa discussione aggiungo quanto segue: nell'atto di pignoramento presso il datore di lavoro notificato da banca IFIS è intimato, per un debito di quasi 12 mila euro, un importo da pagare fino alla concorrenza di 18 mila. Che significa? Come procedono con il pignoramento? Loro prendono i soldi dalla ditta e a sua volta il datore di lavoro preleverà dallo stipendio di mio marito? Oppure tutti i soldi saranno presi solo dallo stipendio direttamente. E di che somma si tratterebbe? Può la ditta licenziare mio marito? ...

Precetto da banca IFIS e pignoramento dello stipendio del debitore
È stato notificato atto di precetto di euro trentacinquemila a me e la mia compagna per un vecchio debito con Findomestic (in origine ventimila). Situazione attuale: lavora solo lei, stipendio mensile di circa 950 euro. Abbiamo una casa con mutuo a 35 anni (circa 27 anni rimanenti). Volevamo capire cosa possiamo attenderci dalla procedura, possono aggredire la casa? Quanto possono pignorare di stipendio? Abbiamo una figlia piccola! ...

Pignoramento dello stipendio dimissioni e nuovo datore di lavoro - Come funziona?
A marzo 2018 dopo la notifica del precetto per quattro mesi mi è stato pignorato 1/5 dello stipendio: poi ho cambiato ditta e da allora tutto si è fermato. Ora vi chiedo: se il creditore vorrà procedere con il nuovo pignoramento presso l'attuale ditta dovrà notificarmi un nuovo decreto ingiuntivo, poi precetto ed infine la notifica del pignoramento presso l'attuale datore di lavoro? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pignoramento dello stipendio di mio marito da parte di BANCA IFIS – Perché il datore di lavoro consiglia le dimissioni?