Pignoramento della Partita Iva - E possibile?

Ho fatto un pignoramento presso un c/c che risulta attivo ma privo di fondi: posso eventualmente provare a fare il pignoramento della Partita Iva?

Possono essere pignorati o ipotecati i beni di proprietà del debitore inadempiente, per escutere coattivamente il credito vantato. La partita IVA non è un bene di proprietà del debitore: e, se anche fosse, pensa che troverebbe qualcuno disposto a comprarla in sede di vendita forzosa?

Capisco il desiderio di voler arrecare danno al debitore inadempiente, magari impedendogli di proseguire l'attività con il pignoramento della partita IVA; ma proprio, non si può fare!

Il pignoramento deve essere finalizzato al tentativo di recuperare il credito vantato, non a quello di fare un dispetto al debitore.

21 agosto 2018 · Roberto Petrella

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cartella esattoriale » E' legittima anche quando nell'atto di pignoramento fondato su essa manca la firma dell'agente della riscossione
Cartella esattoriale: è valida anche se nella notifica dell'atto di pignoramento, fondato sulla stessa, manca la firma dell'agente della riscossione. Non è invalido l'atto di pignoramento dei crediti verso terzi proveniente dall'agente della riscossione, anche se privo della sottoscrizione del dipendente che lo ha redatto, purché rechi l'indicazione a stampa ...
Quando può essere eccepita la nullità dell'avviso di accertamento privo di sottoscrizione o di motivazione
La nullità dell'avviso di accertamento privo di sottoscrizione, o privo delle indicazioni e della motivazione, o ad al quale non risulti allegata la documentazione non anteriormente conosciuta dal contribuente, deve essere tempestivamente fatto valere dal contribuente mediante impugnazione da proporsi, con ricorso, entro i termini previsti dalla legge. In difetto ...
Revoca assegnazione della casa coniugale - l'importo dell'assegno di mantenimento non deve essere necessariamente proporzionale al canone di mercato dell'immobile
Per giurisprudenza ampiamente consolidata, l'assegno per il coniuge, anche in sede di separazione, deve tendere al mantenimento del tenore di vita da questo goduto durante la convivenza matrimoniale, e indice di tale tenore di vita può essere l'attuale disparità di posizioni economiche tra i coniugi. E' vero che non può ...
Coniugi in regime di comunione - Imposta di successione su conto corrente e deposito titoli in caso di morte di uno di essi
Al momento della morte del coniuge si scioglie la comunione legale sui titoli (quali azioni, obbligazioni, titoli di stato, quote di fondi di investimento etc.) in deposito presso banche (c.d. dossier) ed anche la comunione differita - o de residuo - sui saldi attivi dei depositi in conto corrente. Pertanto ...
Pignoramento e creditori concorrenti
Nel processo di esecuzione, la regola secondo cui il titolo esecutivo deve esistere dall'inizio alla fine della procedura va intesa nel senso che essa presuppone non necessariamente la continuativa sopravvivenza del titolo del creditore procedente, bensì la costante presenza di almeno un valido titolo esecutivo (anche di un creditore intervenuto) ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca