Pignoramento di un credito di imposta vantato dal debitore esattoriale nei confronti dell’Agenzia delle Entrate


In merito al credito di imposta derivante da cessione ex articolo 121 DL 34/2020, è ipotizzabile il pignoramento da parte dell’AdE-Riscossione (presupposta la presenza di cartelle)? Faccio riferimento ad esempio al credito acquisito da professionisti e imprese in occasione di lavori con bonus fiscale (sconto in fattura). Sarò grato a chi potrà fornire una risposta.

L’articolo 48 bis (Disposizioni sui pagamenti delle pubbliche amministrazioni) del DPR 602/1973 (Disposizioni sulla riscossione delle imposte sul reddito) stabilisce che Agenzia delle Entrate, prima di procedere al pagamento di un importo superiore a cinquemila euro (anche sotto forma di rimborso di un credito di imposta, è tenuta a verificare, anche in via telematica, se il beneficiario é inadempiente all’obbligo di versamento derivante dalla notifica di una o più cartelle di pagamento per un ammontare complessivo pari almeno a tale importo e, in caso affermativo, è obbligata a non procedere al pagamento e a segnalare la circostanza all’agente della riscossione (Agenzia delle Entrate Riscossione) competente per territorio, ai fini dell’esercizio dell’attività di riscossione delle somme iscritte a ruolo.

Quindi il rischio di pignoramento del credito d’imposta è concreto per importi a partire da cinquemila euro.

27 Maggio 2021 · Paolo Rastelli



Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pignoramento di un credito di imposta vantato dal debitore esattoriale nei confronti dell’Agenzia delle Entrate