Pignoramento conto corrente - Il saldo può essere prelevato ad insaputa debitore?

Vorrei sapere se quando una determinata banca chiede e ottiene dal Giudice il pignoramento del conto corrente, esso viene bloccato all'insaputa del titolare/debitore oppure se arriva una raccomandata dove viene intimato il pagamento entro un tot giorni, e solo allora, non pagando entro, per esempio un mese, verrà bloccato il conto.

Per intenderci non avverrà mai che dall'oggi al domani ci si possa trovare con il conto corrente bloccato senza averne avuto comunicazione?

Vorrei sapere inoltre qual è la somma che per legge deve essere lasciate nella disponibilità del titolare e se può essere prelevata o cosa bisogna fare nel caso si abbia un conto corrente online.

Per quanto attiene il pignoramento per crediti di natura ordinaria, a meno che il creditore non abbia già in mano un titolo esecutivo (una sentenza di condanna al pagamento di un determinato importo, oppure un assegno scoperto o una cambiale non pagata alla scadenza), egli dovrà chiedere ed ottenere dal giudice un decreto ingiuntivo che verrà comunque notificato al debitore.

Scaduti i termini per una eventuale opposizione al decreto ingiuntivo (quaranta giorni in genere) al debitore verrà notificato un atto di precetto, con l'avviso che scaduti tot giorni (almeno dieci, non più di 90) inizierà un'esecuzione forzata (mobiliare, immobiliare o presso terzi). Il debitore potrà sempre opporsi al precetto: tuttavia, sarà necessario che l'opposizione venga avviata entro 20 giorni dalla notifica, se essa concerne vizi formali del precetto.

Dopo questo iter il debitore dovrà aspettarsi, senza ulteriori avvisi di pagamento, l'eventuale pignoramento del conto corrente. La notifica del pignoramento, comunque, deve essere notificata sia alla banca che al debitore.

Importante è che sia chiaro che il giudice non concede il pignoramento di questo o quello, ma solo il titolo (esecutivo), con il quale, appunto, il creditore sceglierà quale azione esecutiva portare avanti: tipicamente il pignoramento di stipendio o pensione, il pignoramento presso la residenza del debitore, il pignoramento del conto corrente.

Può essere pignorata l'intera disponibilità in conto corrente: se il conto corrente è utilizzato per l'accredito della pensione o dello stipendio del titolare, allora il terzo pignorato deve lasciare al debitore un importo pari al triplo dell'assegno sociale (circa 1.500 euro).

La procedura di pignoramento è la stessa, sia che si tratti di un conto corrente tradizionale o di un conto corrente online.

14 novembre 2016 · Chiara Nicolai

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento conto corrente e libretto di deposito

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Annullato dal Tribunale il pignoramento del conto corrente invece del quinto della pensione
Accade a Pesaro dove un pensionato ha subito il pignoramento da Equitalia dell'intero conto corrente, invece della sola quota mensile prevista dalla legge. Con i conseguenti prevedibili disagi: nessuna risorsa per mangiare e pagare le bollette. I debiti del pensionato erano riconducibili a versamenti contributivi non effettuati all'INPS nel corso ...
Il creditore non può pignorare i versamenti del debitore finalizzati a ridurre lo scoperto in conto corrente
In tema di pignoramento del conto corrente, il creditore può direttamente pignorare somme che siano nella diretta disponibilità del proprio debitore, ma non può pignorare i singoli versamenti effettuati dal debitore prima e dopo il pignoramento e finalizzati a ridurre lo scoperto di conto corrente. In pratica se il conto ...
Conto corrente » Qualche espediente per difendersi dal pignoramento ordinario ed esattoriale
Pignoramento del conto corrente, sia esattoriale che ordinario: ecco qualche consiglio pratico per tutelarsi al meglio dai creditori. Quasi la maggioranza dei consumatori, nel nostro paese, possiede un conto corrente personale. Essere proprietari di un conto corrente, però, presenta diversi problemi. In primis, Il fisco, il quale, attraverso il monitoraggio ...
Conto corrente cointestato a firma disgiunta - La delega ad un terzo può essere conferita solo congiuntamente
E' legittimo il comportamento della banca che, nel caso di un conto corrente cointestato a firma disgiunta, consente ad uno solo dei cointestatari di conferire ad un terzo soggetto delega ad operare e disporre del conto corrente? Com'è noto, in un conto corrente cointestato a firma disgiunta, tutti i cointestatari ...
Rapporto di conto corrente - La banca deve astenersi da qualsiasi movimentazione successiva alla morte del titolare
Il rapporto di conto corrente, in quanto riconducibile al rapporto di mandato, deve ritenersi automaticamente estinto con il decesso del titolare. Infatti, sebbene la normativa concernente il conto corrente bancario non specifichi gli effetti conseguenti al decesso del titolare, tuttavia, la dottrina e la giurisprudenza prevalenti vedono nel conto corrente ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca