Pignoramento del conto corrente - Come funziona operativamente?

Una società ha ricevuto via pec un atto di pignoramento del conto corrente da parte di Agenzia della Riscossione. Ma come funziona operativamente? Abbiamo visto che il giorno del pignoramento è stato "accantonato" il saldo (tolto dalla disponibilità). Ma adesso cosa succede? Dopo 60 giorni immagino che quell'importo venga incassato ma poi il conto è bloccato (cioè tutto ciò che entra va ad Agenzia Riscossione?) oppure Agenzia delle Riscossione dovrà effettuare un nuovo pignoramento (quanto è stato accantonato il 31/10, giorno della notifica, non soddisfa l'intero credito)? In sostanza il pignoramento è istantaneo (giorno di notifica atto) oppure dopo i 60 giorni dalla notifica tutto ciò che entra va ad Agenzia Riscossione?

Il saldo (più propriamente l'importo del credito precettato aumentato della metà per i crediti ordinari, l'importo a concorrenza del credito per cui si procede nel caso di pignoramento esattoriale) viene prelevato dalla disponibilità dalla banca all'atto della notifica di pignoramento e resta congelato fino all'assegnazione al creditore procedente (per quanto attiene il pignoramento del conto corrente per debiti di natura ordinaria).

Se il creditore non è stato soddisfatto dall'azione esecutiva avviata e conclusasi con il pignoramento del conto corrente, deve procedere ad un nuovo pignoramento, sullo stesso conto corrente o su altri beni di proprietà del debitore.

24 novembre 2017 · Simone di Saintjust

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento conto corrente e libretto di deposito

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca