Pignoramento dello stipendio per dipendente debitore in scadenza contrattuale - Come funziona?

Sono una lavoratrice stagionale, che da 6 anni lavora con la stessa ditta e prevede di continuare il rapporto. A luglio di quest’anno è stato disposto un pignoramento del quinto. La mia domanda è questa: ora che il contratto è terminato il debitore non si vedrà più arrivare accrediti, può riattivarmi per esempio sul conto corrente per soddisfare il suo debito ? Mi è stato detto che, riprendendo il rapporto di lavoro con la medesima ditta, la trattenuta ripartirà in automatico. Questo non è un problema ma vorrei capire come gestire questi 4 mesi. Sto pensando addirittura a versamenti volontari. Ad ogni modo dovrebbero notificare un atto di precetto oppure no?

Se si interrompe il rapporto di lavoro, per dimissioni, licenziamento o naturale scadenza contrattuale, il datore di lavoro è obbligato a trattenere il quinto del trattamento di fine rapporto del debitore e riversarlo al creditore che ha azionato il pignoramento.

Se il rapporto riprende, il datore di lavoro è sempre obbligato a trattenere la quota pignorata, perchè è sempre operante l'ordine giudiziale di pignoramento presso terzi: il dipendente è sempre debitore del creditore che ha azionato il pignoramento presso il datore di lavoro e quest'ultimo resta debitore del debitore.

Se il datore di lavoro cambia, allora il creditore deve rinnovare il precetto al debitore e procedere poi ad azione esecutiva nei confronti del nuovo datore di lavoro.

In pratica, la simulazione della chiusura del rapporto di lavoro attuale, per scadenza contrattuale senza rinnovo, determinerà l'ulteriore pignoramento del quinto sul trattamento di fine rapporto.

5 novembre 2018 · Loredana Pavolini

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cessione del quinto dello stipendio e pignoramento
La legge disciplina l'ipotesi del cumulo della cessione con uno o più eventuali pignoramenti della retribuzione. Il cumulo può verificarsi in due distinte ipotesi, in relazione alle quali il legislatore fissa precisi limiti quantitativi. Qualora la retribuzione del lavoratore sia già gravata da una trattenuta a titolo di pignoramento e ...
Pignoramento dello stipendio - gli adempimenti del terzo pignorato, del creditore e del debitore
Quali sono gli adempimenti fiscali in termini di ritenuta d'acconto che devono essere osservati dal terzo pignorato, dal creditore pignoratizio e dal debitore. Esempi pratici riferiti alle situazioni più comuni ed alle casistiche più frequenti. Pignoramento dello stipendio e della pensione - quadro complessivo Il quadro complessivo della questione relativa ...
Pignoramento dello stipendio - i rapporti di lavoro per i quali è previsto il limite massimo del 20 per cento
Per i rapporti di agenzia, di rappresentanza commerciale ed altri rapporti di collaborazione caratterizzati da prestazione continuativa e coordinata, prevalentemente personale, anche se non a carattere subordinato, il pignoramento della retribuzione non può eccedere il quinto della retribuzione netta. Infatti, i crediti derivanti dai rapporti di lavoro che possono essere ...
Pignoramento stipendi e pensioni depositati su conto corrente » Equitalia non può farlo su ultimi accrediti
Equitalia non può effettuare il pignoramento dell'ultimo stipendio o pensione » Il decreto del fare L'ultimo emolumento del rapporto di lavoro o di pensione non può essere congelato dall'agente di riscossione dello Stato (equitalia) con il pignoramento presso terzi. Lo stop ai pignoramenti di Equitalia riguarda solo le somme depositate ...
Pignoramento conto corrente » L'ultimo stipendio non si tocca
Il pignoramento, da parte di Equitalia, non si estende mai all'ultimo stipendio versato sul conto corrente intestato al lavoratore. Dopo 60 giorni dalla notifica della cartella esattoriale, in caso di pagamento non effettuato, l'Agente della riscossione (per esempio, Equitalia) può attivare il cosiddetto pignoramento presso terzi, una forma cioè di ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca