Pignoramento e cessione del quinto dello stipendio – Il coniuge superstite del pensionato deceduto è obbligato comunque al pagamento delle rate di cessione e pignoramento gravanti sulla pensione del defunto con la propria pensione di reversibilità?

Sono titolare di pensione ex Inpdap: sulla stessa grava un recupero obbligatorio che, all’estinzione di questa, sono già accodati altre due recuperi della stesa natura (finanziarie) già con decreto del giudice. Sulla pensione esiste anche una cessione del quinto. Sono intestatario di alcuni immobili (terreni) che non producono reddito anzi fonte di problematiche. Il quesito che vorrei chiedere è questo: caso decesso del sottoscritto, ho consigliato agli aventi diritto all’eredità di rinunciare a ogni eredità immobiliare e chiedere il trasferimento della pensione quale reversibilità. Con la rinuncia, le trattenute sulla pensione sia del recupero forzato che la cessione del quinto continueranno ad esserci?

Va innanzitutto premesso che se il coniuge superstite rinuncia all’eredità del coniuge pensionato deceduto, egli ha comunque diritto alla pensione di reversibilità: il diritto alla pensione di reversibilità spetta, infatti, in qualità di coniuge (o di figlio minorenne) del pensionato deceduto e non come erede.

Per quanto riguarda il prestito dietro cessione del quinto, si tratta di un istituto che, per legge, è sempre accompagnato da una polizza vita (obbligatoria) che, in caso di decesso del debitore prima dell’estinzione del debito, provvede a rimborsare il creditore di quanto gli residua: pertanto, gli eredi sono sollevati da qualsiasi onere collegato al mancato completamento del piano di ammortamento del de cuius.

Qualora, al momento del decesso, il pensionato fosse stato sottoposto ad azione esecutiva tramite pignoramento verso INPS del rateo mensile, il coniuge superstite a cui viene assegnata la pensione di reversibilità può, rinunciando all’eredità del defunto, evitare l’obbligo di dovere corrispondere al creditore insoddisfatto quanto ancora gli è dovuto: compito che, invece, sarà riservato ai chiamati che accettassero l’eredità.

30 Aprile 2021 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pensione di reversibilità per il coniuge separato superstite senza assegno di mantenimento a carico del coniuge pensionato defunto
Due settimane fa è morto mio marito pensionato INPS dal quale ero legalmente separata: mi hanno detto che non avrei diritto alla reversibilità della pensione percepita dal defunto poichè nell'accordo di separazione non è previsto, per me, un assegno di mantenimento. E vera questa cosa? ...

Pensione di reversibilità per il figlio superstite del pensionato deceduto
In caso di morte dei pensionato, il figlio superstite ha diritto alla pensione di reversibilità, ove maggiorenne, se riconosciuto inabile al lavoro e a carico dei genitore al momento dei decesso di questi, laddove il requisito della "vivenza a carico", se non si identifica indissolubilmente con lo stato di convivenza, né con una situazione di totale soggezione finanziaria del soggetto inabile, va considerato con particolare rigore, essendo necessario dimostrare che il genitore provvedeva in via continuativa e in misura quanto meno prevalente al mantenimento del figlio inabile. Questo è il principio sancito, in tema di diritto alla pensione di reversibilità ...

Pensione di reversibilità - La ripartizione delle quote fra ex coniuge e coniuge convivente del pensionato defunto va effettuata anche sulla base dell'entità dell'assegno divorzile
Il meccanismo di ripartizione, fra ex coniuge e coniuge convivent,e delle quote di reversibilità della pensione del pensionato deceduto è preordinato alla continuazione della funzione di sostegno economico assolta a favore dell'ex coniuge e del coniuge convivente, durante la vita del pensionato, rispettivamente con il pagamento dell'assegno di divorzio e con la condivisione dei rispettivi beni economici da parte dei coniugi conviventi. La ripartizione del trattamento economico va quindi effettuata, oltre che sulla base del criterio della durata dei rispettivi matrimoni, anche ponderando ulteriori elementi, quale l'entità dell'assegno di mantenimento riconosciuto all'ex coniuge, le condizioni economiche dei due e la ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pignoramento e cessione del quinto dello stipendio – Il coniuge superstite del pensionato deceduto è obbligato comunque al pagamento delle rate di cessione e pignoramento gravanti sulla pensione del defunto con la propria pensione di reversibilità?