Pignoramento casa in seguito a sentenza di risarcimento danni per lesioni a terzi imputabili ad uno dei due coniugi – Oggi separati ma in comunione dei beni all’epoca del fatto illecito

Mia sorella separata, si è vista recapitare il pignoramento della casa: in pratica quando era sposata e in comunione dei beni il marito commise un reato di lesioni contro terzi ed e’ stato condannato al risarcimento del danno. Adesso lui non ha ancora ottemperato al pagamento e a mia sorella è arrivata la raccomandata di pignoramento in quanto la casa è di comproprietà.

1) Ma trattandosi di una condanna per fatto illecito, (lesioni personali da lui commesse) mia sorella è tenuta a pagare solidalmente per questo risarcimento da reato? Che c’entra qui l’allora comunione dei beni?

2) Inoltre, siccome la casa coniugale è stata a lei e alla figlia assegnata, sarebbe possibile, visto che ancora il pignoramento non è stato registrato al catasto, poter trascrivere la sentenza di separazione al catasto?

I coniugi in comunione legale sono solidalmente titolari di un diritto avente per oggetto i beni della comunione legale, alla quale non è ammessa la partecipazione di estranei. Ne consegue che, nei rapporti con i terzi, ciascun coniuge, mentre non ha diritto di disporre della propria quota, può tuttavia disporre dell’intero bene comune. Si tratta, tuttavia, di una facoltà subordinata al consenso dell’altro coniuge, consenso che è, al tempo stesso, un requisito di regolarità dell’atto dispositivo, mancando il quale, ove si tratti di bene immobile o di bene mobile registrato, emergerebbe un vizio da far valere dal coniuge non consenziente nei termini fissati dal codice civile (articolo 184 del codice civile).

Nella comunione legale, il coniuge debitore risponde con i propri beni alle obbligazioni assunte personalmente: qualora i beni di esclusiva proprietà del coniuge debitore risultassero insufficienti, il creditore può avviare azione sussidiaria sui beni della comunione legale, a meno che il coniuge non debitore non indichi al creditore procedente ulteriori eventuali beni di proprietà esclusiva del coniuge debitore, su cui soddisfare primariamente il debito. Qualora ciò non avvenisse, l’espropriazione, per crediti personali di uno solo dei coniugi, di un bene (o di più beni) rientranti nella comunione legale, avrebbe ad oggetto il bene nella sua interezza e non per la metà, con conseguente scioglimento della comunione legale, limitatamente al bene venduto coattivamente, e il diritto del coniuge non debitore a percepire metà della somma lorda ricavata dalla vendita del bene stesso (o del valore di questo, in caso di assegnazione).

Qualora fra i due coniugi fosse successivamente (alla commissione del fatto) intervenuta la separazione giudiziale (che va comunque trascritta in anagrafe) possiamo aggiungere che il provvedimento di assegnazione della casa familiare al coniuge affidatario non paralizza il diritto del creditore di procedere con azione esecutiva di pignoramento ed espropriazione sul bene oggetto dell’assegnazione (Cassazione sentenza 12466/2012).

Tuttavia, il provvedimento giudiziale di assegnazione della casa familiare al coniuge affidatario è opponibile, ancorché non trascritto (nei Pubblici Registri Immobiliari), al terzo acquirente in data successiva, per nove anni dalla data dell’assegnazione, ovvero, ma solo ove il titolo sia stato in precedenza trascritto, anche oltre i nove anni (Cassazione 11096/2002 a sezioni unite, 12296/2206, 25835/2017).

Naturalmente questo aspetto rappresenta un’arma a doppio taglio: infatti il coniuge non debitore assegnatario della casa familiare, all’epoca dei fatti in comunione dei beni con il coniuge condannato al risarcimento danni, si vedrà assegnare la metà dell’importo ricavato dalla vendita all’asta, importo che sarà sicuramente minore di quello a cui avrebbe avuto diritto se la casa fosse stata libera da vincoli.

2 Luglio 2019 · Ornella De Bellis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Diritti del coniuge non debitore a seguito di espropriazione di in un bene in regime di comunione
Coniugi sposati in regime di comunione dei beni, uno solo dei due coniugi ha debiti verso il fisco per INPS e IRPEF dichiarati ma non pagati, i coniugi possiedono una casa, cointestata, acquistata dopo il matrimonio, la casa non è di residenza. In caso di pignoramento di questa casa, tutta la casa va all'asta. Quesito 1: il coniuge non debitore ha diritto alla restituzione del 50% del ricavato della vendita all'asta? Quesito 2: considerato che i debiti sono di natura tributaria (classificati quindi come debiti non personali ma di natura familiare), questo non inficia il diritto del coniuge (in comunione ...

Agevolazioni prima casa e coniugi in comunione dei beni
Nel caso in cui due coniugi, in regime di comunione legale, acquistino un appartamento da adibire ad abitazione principale ma solo uno dei due possegga i requisiti soggettivi per fruire dell'agevolazione "prima casa" (in quanto, per esempio, l'altro ha già fruito dell'agevolazione in relazione a un immobile acquistato prima del matrimonio o in regime di separazione dei beni), il beneficio si applica nella misura del 50%, vale a dire limitatamente alla quota acquistata dal coniuge in possesso dei requisiti prescritti. L'acquisto agevolato effettuato da uno dei coniugi in regime di comunione legale dei beni comporta l'esclusione dall'agevolazione per entrambi su ...

Debito personale di uno dei coniugi - Pignoramento ed espropriazione di beni ricadenti nella comunione
Esaminiamo la questione del creditore che voglia soddisfare un credito personale, cioè estraneo ai bisogni della famiglia, su beni appartenenti al coniuge debitore, ma ricadenti nella comunione legale con l'altro coniuge non debitore. La comunione legale tra i coniugi costituisce, nella interpretazione giurisprudenziale assolutamente prevalente una comunione senza quote, nella quale i coniugi sono solidalmente titolari di un diritto avente ad oggetto tutti i beni di essa e rispetto alla quale non è ammessa la partecipazione di estranei trattandosi di comunione finalizzata, a differenza della comunione ordinaria, non già alla tutela della proprietà individuale, ma piuttosto a quella della famiglia. ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pignoramento casa in seguito a sentenza di risarcimento danni per lesioni a terzi imputabili ad uno dei due coniugi – Oggi separati ma in comunione dei beni all’epoca del fatto illecito