Pignoramento beni in Russia e Dubai

Sono un italiano iscritto all'AIRE in Russia da quasi 6 mesi e con residenza e domicilio effettivo in Russia (mi reco in Italia solo 2-3 settimane l'anno). Preciso che ho chiuso tutte le mie posizioni in Italia: chiusura partita IVA, chiusura di posizioni contributive, nessun immobile né auto in Italia, rimane aperto solo un conto corrente con una piccola somma di denaro pari a 5 mila euro. Quindi risulto di fatto nullatenente in Italia!

La mia domanda è la seguente: in caso di accertamento fiscale e di emissione di cartelle esattoriale nei miei confronti, è possibile pignorare beni immobili/auto (con targa russa) o conti correnti detenuti dal sottoscritto in Russia e a Dubai?

Esistono delle convenzioni bilaterali Italia-Russia e Italia-Emirati che regolamentano la questione?

Russia e Dubai non sono al momento compresi nella lista degli stati esteri (prevalentemente appartenenti all'Unione Europea) con i quali l'Italia ha sottoscritto accordi per lo scambio di informazioni e per l'assistenza diretta nel recupero crediti di tipo esattoriale.

Ciò non esclude, tuttavia, che Equitalia, previo accordo con il creditore (Agenzia delle Entrate), possa ritenere economicamente conveniente affidare la riscossione coattiva degli importi iscritti a ruolo ad uno studio legale operante nel paese estero in cui risiede il debitore: tutto dipende dall'entità dei debiti esattoriali lasciati in Italia e dai beni acquisiti ed espropriabili in terra straniera.

19 marzo 2016 · Ornella De Bellis

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Altre discussioni simili nel forum

riscossione coattiva transfrontaliera

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca