Pignoramento ad oltranza in busta paga – Chi mi può aiutare?

Argomenti correlati:

A seguito di un indebitamento con due carte di credito con findomestic di circa 10000 euro non avendo modo di poterlo pagare, mi è stato pignorato lo stipendio nonostante su questo gravassero già una cessione del 5°, una delega e il mutuo, lasciandomi per vivere circa 250 euro al mese. Inizio pignoramento luglio 2014 fine scritto in busta paga agosto 2017, ma questo pignoramento continua ancora altra data di scadenza novembre 2018. Chiamo il responsabile della ASL per queste questioni perché nessuna comunicazione mi è arrivata, e il suddetto mi risponde che nemmeno lui sa dirmi il perchè e che da quello che risulta a lui non finirò neanche per la data ultima ma molto probabilmente nel 2020. Ho chiamato quindi in Findomestic. Lì mi dicono: attenda le passo l’ufficio legale, ma tale ufficio non risponde mai. Chi mi può aiutare?

Per poter pignorare lo stipendio di un proprio dipendente, il datore di lavoro deve ricevere un ordine del Tribunale, in cui vengono indicate, fra l’altro, alcune informazioni: chi è il debitore sottoposto ad azione esecutiva, chi è il creditore procedente (quello che ha adito il giudice), per quale cifra complessiva deve essere prelevato il rateo mensile da consegnare al creditore procedente, qual è la quota percentuale di pignoramento.

Il numero di mensilità su cui insiste il pignoramento derivano da queste informazioni essendo suscettibile di oscillazioni l’importo in busta paga (che può diminuire o aumentare) e che deve essere considerato al netto di oneri fiscali e contributivi nonché al lordo di cessioni del quinto, prestiti delega, mutuo (ovviamente) e prelievi per pignoramenti in corso. Ne discende che la data di inizio e quella di fine sono dati presuntivi, calcolati a stipendio netto costante, pari a quello erogato alla data di pignoramento (o meglio alla data in cui il datore di lavoro ha informato il creditore procedente, e dunque il giudice, del livello stipendiale netto erogato al proprio dipendente debitore e sull’eventuale esistenza di cessioni e pignoramenti in corso che potrebbero limitare l’aliquota ordinaria di prelievo del 20% a percentuali più basse in caso di incapienza ex articolo 545 del codice di procedura civile).

Queste informazioni, che, peraltro dovrebbero essere state notificate anche al debitore, possono essere sempre richieste, anche con istanza scritta inviata con raccomandata AR all’ufficio del personale (meglio di una telefonata informale all’impiegato addetto). In tal modo potrà comprendere il motivo per cui il pignoramento persiste, compreso quello riconducibile ad un banale errore dell’ufficio paghe o di comunicazioni interne.

25 Gennaio 2018 · Tullio Solinas

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pignoramento del quinto della busta paga e nuovo datore di lavoro
Al momento ho in corso un pignoramento del quinto dello stipendio, per via di vecchie grane familiari, da parte di banca IFIS. Mi è arrivata un offerta di lavoro rispetto all'attuale. Come mi devo comportare in questo caso? Sono in possesso della lettera d'intenti del nuovo datore di lavoro, che però non ho ancora firmato per via di questo dubbio. ...

Secondo pignoramento in busta paga - E' regolare?
Ho già in busta paga il pignoramento del quinto dello stipendio pari a 382 euro: ieri ho saputo dal mio datore di lavoro che dal mese di aprile mi verrà effettuata un'altra trattenuta di pignoramento di 386 euro e vorrei sapere se tutto ciò è regolare. ...

Pignoramento ordinario dello stipendio gravato da mantenimento e cessione in busta paga
Ho un netto in busta paga di 1950 euro dal quale vengono detratte le seguenti voci: assegno di mantenimento forzoso permanente con decreto del tribunale di 730 euro e cessione del quinto di per 186 euro. Nel frattempo ho subito un pignoramento ordinario presso il mio datore di lavoro con una trattenuta provvisoria di 194,00 €. Sono in attesa della sentenza. Il giudice in questo caso accoda per raggiunto limite di soglia minima (50% dello stipendio) o calcola la quota del 20%? In più volevo sapere se c'erano i presupposti per un annullamento del pignoramento dato che, in attesa del ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pignoramento ad oltranza in busta paga – Chi mi può aiutare?