Sentenza civile e risarcimento danni - Rischio pignoramento stipendio?

In seguito ad un processo civile per un incidente, la sentenza del giudice ritenutomi responsabile dei danni mi costringe a pagare alla parte lesa una cifra di discreta entità, nell'ordine dei 40.000euro.

Al momento la causa è in fase di appello, ma il giudice non ha sospeso temporaneamente la sentenza, per cui suppongo che la richiesta di risarcimento non tarderà a arrivare. Io vorrei però evitare di pagare prima che la sentenzia sia stata riesaminata in appello.

Al momento il mio conto in banca è pressoché asciutto, poiché ho appena sostenuto una grossa spesa per beni immateriali.

Non ho immobili intestati e nemmeno un'auto intestata. Ricevo però uno stipendio mensile, come lavoratore dipendente a tempo indeterminato.

E' possibile che mi venga pignorato 1/5 dello stipendio? Da quanto mi è stato riferito, la cosa non è così immediata come sembra poiché potrebbe non è sempre semplice per il creditore individuare il datore di lavoro. E' vero o è fantasia?

In ogni caso, poiché sono a rischio di pignoramento del conto bancario, se dovessi aprire un conto all'estero (Austria) per farmi versare lì lo stipendio, potrei subire il pignoramento di tale conto?

Il pignoramento del quinto dello stipendio rientra nella tipologia del pignoramento presso terzi.

In pratica viene intimato al datore di lavoro di prelevare dal suo stipendio la quota pignorata e di consegnarla direttamente al creditore.

Per quanto attiene la difficoltà di individuare il datore di lavoro, bisogna dire che la legge conferisce all'ufficiale giudiziario, in caso di pignoramento negativo e su richiesta del creditore, la possibilità di accedere all'anagrafe tributaria. Nei suoi 730, o nei CUD dovrebbe esserci l'indicazione del soggetto che le eroga lo stipendio ...

Per quel che riguarda invece il trasferimento del conto corrente all'estero, renderà senz'altro più difficili le azioni esecutive finalizzate al pignoramento dello stesso. Ma, tutto dipende dall'importo in gioco ed, in alcuni casi, anche dalle motivazioni psicologiche del creditore.

Tuttavia credo che il problema non si ponga neppure. A meno che lei non decida di licenziarsi ed avviare un'attività in nero, difficilmente riuscirà a sottrarsi al pignoramento del quinto dello stipendio.

25 gennaio 2012 · Loredana Pavolini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento stipendio
risarcimento danni

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Risarcimento danni » nel giudizio civile è vincolante la sentenza penale di condanna
Nel giudizio civile di risarcimento danni è vincolante la sentenza penale di condanna. La sentenza del giudice penale, che pronunci condanna definitiva dell'imputato al risarcimento dei danni in favore della parte civile, demandando la liquidazione ad un successivo e separato giudizio, ha effetto vincolante, in sede civile, in ordine all'affermata ...
Risarcimento da responsabilità civile - Chiedere i danni al giudice di pace per il veicolo e al tribunale per le lesioni subite integra abuso del diritto
In tema di risarcimento dei danni da responsabilità civile, non è consentito al danneggiato, in presenza di un danno derivante da un unico fatto illecito, riferito alle cose ed alla persona, già verificatosi nella sua completezza, di frazionare la tutela giurisdizionale mediante la proposizione di distinte domande. Non è consentito, ...
Pignoramento stipendio e pensione su cui grava ritenuta ex articolo 8 legge 898/1970 o ordine di pagamento diretto del Tribunale ex articolo 156 codice civile
Come sappiamo l'articolo 8 della legge 898/1970 dispone che il coniuge cui spetta la corresponsione periodica dell'assegno di mantenimento, dopo la costituzione in mora a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento del coniuge obbligato e inadempiente per un periodo di almeno trenta giorni, può notificare il provvedimento in cui è ...
Risarcimento danni per sinistro con decesso » Morte reo e prescrizione
La prescrizione del diritto al risarcimento danni decorre dalla dichiarazione giudiziale di improcedibilità. Alla costituzione di parte civile nel processo penale deve essere riconosciuto l'effetto interruttivo e sospensivo permanente della prescrizione fino alla pronuncia della sentenza che dichiara l'estinzione del reato. E ciò anche nel caso in cui il non ...
Assegno protestato » Nessun risarcimento danni al correntista
Nessun risarcimento danni al correntista che cita la banca per il protesto di un assegno Nessun risarcimento del danno per il correntista che emette un assegno, il quale viene successivamente protestato a causa dell'incapienza del conto corrente. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, la quale, con la sentenza 3286/13, ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca