Pignoramento 1/5 di stipendio

I miei debiti ammontano a parecchie migliaia di euro e al momento sto lavorando in una ditta con regolare busta paga.

Vorrei porre un quesito che mi sembra non sia stato ancora affrontato: se io verso il mio stipendio sul c/c di mia moglie, può Equitalia dopo avermi trovato prendersi il 1/5 di stipendio?

Se nel frattempo prima che arrivi Equitalia dovessi aver richiesto un prestito dove già eventualmente si trattengono un 1/5 di stipendio può Equitalia prelevare altri soldi?

Ma, veniamo alle risposte che lei chiede: quand'anche (ammesso, ma non concesso) il datore di lavoro acconsentisse a trasferire la retribuzione su un conto corrente intestato a persona diversa dal dipendente, non si caverebbe il classico ragno dal buco.

Infatti, se Equitalia intende procedere contro il debitore con il pignoramento dello stipendio, si rivolge direttamente al datore di lavoro che resta, in seguito all'azione esecutiva, obbligato a trasferire direttamente su un conto corrente di Equitalia il 20% (al massimo) della busta paga del dipendente.

Più in dettaglio, la busta paga può essere pignorata da Equitalia (o da altri concessionari per la riscossione) con un prelievo mensile massimo fissato nella misura di:

  •  1/10 nel caso in cui l'importo mensile percepito dal debitore sia minore di 2.500 euro netti
  •  1/7 nel caso in cui l'importo mensile percepito dal debitore sia compreso fra 2.500 e 5.000 euro netti
  •  1/5 nel caso in cui l'importo mensile percepito dal debitore vada oltre i 5.000 euro netti.

Per quanto riguarda, invece, il conto corrente, Equitalia non può pignorare quello del coniuge se non cointestato con il debitore e se il regime di gestione del patrimonio familiare adottato è la separazione dei beni.

Per finire, è anche possibile la coesistenza fra cessione del quinto dello stipendio (il prestito dove già eventualmente si trattengono un 1/5) e pignoramento esattoriale. La quota trattenuta al dipendente è infatti, nelle circostanze ipotizzate, pari, al massimo, ai 2/5 della retribuzione netta mensile. Affinchè non vi sia capienza ad ulteriore pignorabilità, è necessario che la quota ceduta e quella pignorata superino, insieme, la metà (i 5/10) dello stipendio.

14 settembre 2014 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

conto corrente cointestato
pignoramento conto corrente e libretto di deposito
pignoramento Equitalia o ADER
pignoramento stipendio

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Vademecum per non pagare debiti, tasse e cartelle esattoriali
Alcune raccomandazioni per debitori nullatenenti (aspiranti o effettivi) - adottare il regime patrimoniale coniugale di separazione dei beni e farlo annotare sull'atto di matrimonio. Meglio una vera e propria separazione legale (per l'accordo da omologare basta un azzeccagarbugli qualsiasi, a cui offrire, per l'incomodo, cappuccino e cornetto al bar del tribunale); vendere la casa di proprietà prima che Equitalia vi iscriva ipoteca; abitare in affitto con comodato d'uso di arredi, suppellettili ed elettrodomestici. Tutto registrato all'Agenzia delle entrate, con elenco dei beni concessi in comodato puntualmente dettagliato .... ...
Pignoramento dello stipendio con cessione e separazione - a volte conviene
Sono un lavoratore dipendente su cui incombono azioni esecutive promosse da Equitalia e da altri creditori. Attualmente percepisco circa 1700 euro netti al mese. Anni fa ho ceduto il quinto dello stipendio per far fronte ad una grave malattia che mi ha colpito all'improvviso (fanno tutte così) e per la ...
Pignoramento conto corrente » L'ultimo stipendio non si tocca
Il pignoramento, da parte di Equitalia, non si estende mai all'ultimo stipendio versato sul conto corrente intestato al lavoratore. Dopo 60 giorni dalla notifica della cartella esattoriale, in caso di pagamento non effettuato, l'Agente della riscossione (per esempio, Equitalia) può attivare il cosiddetto pignoramento presso terzi, una forma cioè di ...
Separazione personale » Stop all'assegno di mantenimento se coniuge obbligato è disoccupato e coniuge beneficiario ha nuovo partner
In tema di separazione personale tra due coniugi, non deve essere corrisposto l'assegno di mantenimento, da parte del coniuge obbligato, se lo stesso è disoccupato e il coniuge beneficiario ha intrapreso una nuova convivenza. Alla moglie non può essere riconosciuto il mantenimento qualora il marito si trovi disoccupato e la ...
Pignoramento dello stipendio - Le nuove norme per crediti di natura esattoriale
La conversione in legge del decreto per la semplificazione degli adempimenti fiscali, contiene importanti novità in tema di pignorabilità di stipendi e pensioni. Il decreto introduce un limite di pignorabilità presso terzi per stipendi, salari o altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego parzialmente derogando, per la ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca

Forum

Domande