Pignoramenti concorrenti sullo stesso stipendio - ulteriori precisazioni

Collegandomi alla precedente discussione, cerco di spiegarmi il più possibile: il mio stipendio al lordo di pignoramento e cessione del quinto volontario è di 1400 euro. Da questa somma tolgo il pignoramento che è di 250 euro (pignoramento cosi detto semplice perché contratto con una finanziaria), tolgo 250 per credito volontario e mi restano 900 euro. L'azienda vuole aggiungere un altro pignoramento semplice per 25 euro al mese. Ma quest'ultimo pignoramento non dovrebbe mettersi in coda?

Su uno stipendio di mille e 400 euro la capienza per pignoramenti che lei definisce semplici (banche, privati e finanziarie), è del 20% dello stipendio, al netto delle ritenute fiscali e contributive di legge ed al lordo di eventuali trattenute per pignoramenti in corso e cessione del quinto.

Dunque dal suo stipendio, per pignoramenti semplici, possono essere prelevati fino 280 euro. Visto che è già incorso un pignoramento semplice per 250 euro, c'è spazio per un altro pignoramento semplice di circa 30 euro.

Una volta coperto il 20% dello stipendio (così come appena indicato) ulteriori creditori semplici procedenti dovranno mettersi in coda.

20 ottobre 2015 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento stipendio

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cessione del quinto dello stipendio e pignoramento
La legge disciplina l'ipotesi del cumulo della cessione con uno o più eventuali pignoramenti della retribuzione. Il cumulo può verificarsi in due distinte ipotesi, in relazione alle quali il legislatore fissa precisi limiti quantitativi. Qualora la retribuzione del lavoratore sia già gravata da una trattenuta a titolo di pignoramento e ...
Centrale Rischi » E' illegittima la segnalazione dopo l'accettazione del piano di rientro da parte della banca
E' illegittima la segnalazione alla Centrale Rischi dopo l'accettazione del piano di rientro da parte della banca La segnalazione di una posizione in sofferenza presso la Centrale Rischi, infatti, richiede la valutazione della complessiva situazione finanziaria del cliente, e non può quindi scaturire dal mero ritardo nel pagamento del debito ...
Ipoteca inefficace dopo 20 anni? Il pignoramento è valido e il creditore può comunque esproriare l'immobile
Il cessionario della banca mutuataria può pignorare la casa anche dopo l'estinzione dell'ipoteca. L'inefficacia dell'ipoteca per decorso del termine ventennale, infatti, ai sensi dell'articolo 2847 Cc, sopravvenuta nel corso del processo esecutivo iniziato dal creditore ipotecario nei confronti del debitore che sia anche proprietario del bene ipotecato, non comporta la ...
Cessione del quinto dello stipendio e trattamento di fine rapporto - problematiche
I contratti di cessione del quinto dello stipendio prevedono, in caso di risoluzione del rapporto di lavoro per qualsiasi causa, quando ancora non è stato estinto il debito contratto con la finanziaria, che il datore di lavoro trattenga e versi al creditore l'ammontare dell'intero trattamento di fine rapporto (TFR) dovuto ...
Pignoramento e creditori concorrenti
Nel processo di esecuzione, la regola secondo cui il titolo esecutivo deve esistere dall'inizio alla fine della procedura va intesa nel senso che essa presuppone non necessariamente la continuativa sopravvivenza del titolo del creditore procedente, bensì la costante presenza di almeno un valido titolo esecutivo (anche di un creditore intervenuto) ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca

Forum

Domande