Phishing informatico con finta vincita - Come faccio per riavere i miei soldi?

Qualche giorno fa ho ricevuto, da un numero apparentemente riconducibile al mio istituto di credito, un sms nel quale mi veniva comunicata la vincita di una ricarica telefonica di 100 euro, che avrei potuto riscuotere accedendo ad un certo sito internet, che sembrava proprio quello della mia banca.

Ho quindi inserito il mio numero di telefono ed altri dati personali.

Successivamente, quando ho visto che la ricarica non veniva accreditata, mi è sorto il dubbio sulla genuinità del messaggio, così ho controllato i movimenti del mio conto riscontrando un addebito per euro 980 apparentemente effettuato per la ricarica di una carta prepagata, non fatta di certo da me.

Il giorno dopo ho sporto denuncia, e ho inviato reclamo all'istituto di credito al fine di ottenere il rimborso della somma.

La banca però, si è rifiutata di restituirmi il dovuto dicendo che la colpa dell'accaduto è esclusivamente mia.

Non dovrebbero esserci strumenti che blocchino certi malintenzionati? La responsabilità non è sopratutto loro?

Quei soldi mi servono: che mi consigliate di fare?

Riguardo al phishing informatico, sono da ritenersi separate due casistiche particolari: ovvero quando vi è colpa grave del cliente o, al contrario, della banca.

Nel caso da lei descritto siamo di fronte ad un evidente caso di "smishing", una categoria di phishing, in ragione dell'utilizzo di un messaggio sms per adescare il soggetto truffato, ossia di acquisizione fraudolenta di dati rilevanti per il mezzo di comunicazioni apparentemente istituzionali, che sollecitano l'inserimento delle credenziali da utilizzare poi per l'indebito uso della carta cui sono associate.

È questa, in particolare, la forma di phishing che viene ritenuta la meno insidiosa, e quindi la più agevole da schivare dispiegando un minimo di diligenza, (anche per l'accresciuta campagna di informazione che i media e gli stessi istituti hanno da tempo ormai attuato).

Sono numerose, in questo ambito, le decisioni in cui, purtroppo per lei, è stata data ragione alla banca.

Ciò in ragion per cui appare piuttosto ascrivibile la colpa grave del correntista che ha reso possibile l'operazione abusiva contestata dando credito, come da lui stesso affermato, ad una comunicazione anomala e inusuale: integrando, in definitiva, una violazione gravemente colpevole degli obblighi di custodia dei dati identificativi e dispositivi del proprio conto a lui imputabile.

Pertanto, per lei è sicuramente possibile tentare un ricorso presso l'arbitro bancario finanziario, ma visti gli orientamenti sopra elencati, perderà solo tempo.

Che le serva da lezione per le prossime volte: di esperienza si fa tesoro.

22 novembre 2017 · Gennaro Andele

Altre discussioni simili nel forum

conto corrente e libretto di deposito
phishing informatico e truffa online

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca