I permessi non retribuiti rientrano nel calcolo per il computo del requisito contributivo di accesso all'indennità di disoccupazione Naspi?

Sono un lavoratore del comparto sicurezza armata (Guardia Giurata): la nostra categoria ha l'obbligo di detenere il porto d'armi per difesa personale di validità 2 anni rinnovabile. Le prefetture a cui siamo sottoposti per questo rinnovo,impiegano un max di 90 gg di calendario per rinnovarci il documento.

Senza questo documento rinnovato o per ritardi prefettizi, il datore di lavoro leggasi (Istituto di Vigilanza) non può adibire il suo dipendente a nessun servizio che richieda l'utilizzo delle armi.

La prassi prevede che il datore di lavoro collochi il dipendente in attesa di rinnovo, in c.d. Permesso non retribuito. Detto questo il 25 luglio 2017 vengo assunto con contratto a tempo determinato da un Istituto di vigilanza e contestualmente devo fare la voltura del porto d'armi da una regione ad un'altra.

L'azienda mi mette subito in permesso non retribuito dal gg 25 luglio 2017 fino al giorno 8 settembre 2017, giorno in cui la prefettura mi rilascia la voltura, corrispondendomi 2 regolari buste paga (Luglio e agosto) a zero euro. La mia domanda è la seguente: anche non avendo ricevuto stipendio in questi periodi, l'azienda ha l'obbligo di versare i contributi inps per il periodo in cui ero in permesso non retribuito? In caso di mancato rinnovo contrattuale e relativa disoccupazione, questo periodo non retribuito sarà valido ai fini del calcolo di una eventuale NASPI?

Purtroppo, i contributi previdenziali ed assistenziali rappresentano quote percentuali della retribuzione, destinate, per legge, al finanziamento delle prestazioni sociali (pensione, indennità di disoccupazione, assicurazione a copertura di rischi per malattie professionali ed infortuni sul lavoro): i permessi non retribuiti si caratterizzano proprio per il fatto di consentire al lavoratore di astenersi legittimamente dalla prestazione lavorativa contrattualmente dovuta, senza ricevere, tuttavia, alcun corrispettivo dal datore di lavoro.

Anche per quanto attiene l'indennità di disoccupazione, le giornate in permesso non retribuito non sono utili per il computo del requisito contributivo di accesso al beneficio.

27 settembre 2017 · Tullio Solinas

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

contributi inps
indennità di disoccupazione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Permesso di soggiorno - Può essere rilasciato e rinnovato solo se lo straniero possiede un reddito minimo
Ai fini del rilascio e del rinnovo del permesso di soggiorno, costituisce condizione soggettiva non eludibile il possesso di un reddito minimo, in quanto attiene alla sostenibilità dell'ingresso dello straniero nella comunità nazionale, essendo finalizzato ad evitare l'inserimento di soggetti che non siano in grado di offrire un'adeguata contropartita in ...
La richiesta di voltura catastale di un immobile del defunto non comporta necessariamente accettazione tacita dell'eredità
Non sempre la voltura dei beni appartenenti al defunto in favore degli eredi comporta accettazione tacita dell'eredità: in particolare, quando l'atto di voltura, pur effettuato nell'interesse di tutti i coeredi, viene in concreto richiesto da uno solo di essi, l'accettazione tacita dell'eredità si produce solo in favore di chi vi ...
Esonero contributivo per neoassunti » Novità e proroga : ecco di cosa si tratta
Esonero contributivo per neoassunti: novità, dettagli, particolarità e proroga fino al 2017, ecco di cosa si tratta. Allo scopo di promuovere forme di occupazione stabile, la Legge di stabilità 2016 ha introdotto l'esonero dal versamento dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro, nella misura del 40 per cento ...
Lavoratore assegnato a mansioni inferiori rispetto a quelle poi riconosciute in sede giudiziale - Il datore di lavoro è tenuto al pagamento anche della quota di adeguamento contributivo a carico del dipendente
Il datore di lavoro è responsabile del pagamento dei contributi anche per la parte a carico del lavoratore; qualunque patto in contrario è nullo. Il contributo a carico del lavoratore è trattenuto dal datore di lavoro sulla retribuzione corrisposta al lavoratore stesso alla scadenza del periodo di paga a cui ...
Cessione d'azienda e pagamento del TFR al lavoratore
In caso di trasferimento d'azienda, il rapporto di lavoro continua con il cessionario ed il lavoratore conserva tutti i diritti che ne derivano. Si intende per trasferimento d'azienda qualsiasi operazione che, in seguito a cessione contrattuale o fusione, comporti il mutamento nella titolarità di un'attività economica organizzata, con o senza ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Tassonomie

Cerca