Scoperto di conto corrente - Come funziona la segnalazione in Centrale Rischi?

Per una Srl di famiglia ho fatto da garante per un prestito e per un fido di conto: nel 2009 è stato concesso il fido di conto che ha attualmente uno scoperto di circa 4000 euro. Nel 2013 è stato concesso da un altro istituto bancario un prestito della durata di 48 mesi che aveva come data fine febbraio 2017. Il finanziamento ha rate insolute per un totale di circa 5400 euro. Il mio nome nelle segnalazioni Crif dovrebbe essere cancellato a febbraio 2020 per quanto riguarda il finanziamento indipendentemente dal saldo del relativo debito (tre anni dalla data di fine finanziamento previsto)? Per il fido di conto invece come si calcola non essendo indicata una data di fine?

Con l'affidamento in conto corrente, la banca mette a disposizione del cliente una somma di denaro, concedendogli la facoltà di addebitare il conto corrente fino ad una cifra concordata, oltre la disponibilità propria del correntista.

La banca ha la facoltà di recedere in qualsiasi momento, anche con comunicazione verbale, dall'affidamento, nonché di ridurlo o di sospenderlo; per il pagamento dello scoperto viene dato generalmente al debitore, con lettera raccomandata, un preavviso non inferiore a un giorno.

Ora, il debito rappresentato dall'entità dello scoperto di conto corrente diviene certo, liquido, ed esigibile quando:

  • la banca recede dal contratto di affidamento per giusta causa, ad esempio, dopo avere accertato e classificato in sofferenza la posizione debitoria del correntista;
  • il correntista chiude il conto corrente (come sappiamo, il rapporto può essere chiuso anche se in rosso)

A questo punto, il creditore esigerà formalmente il rientro dall'esposizione debitoria, concedendo al debitore il pagamento entro un certo termine, scaduto il quale scatterà la segnalazione in Centrale Rischi (CR Bankitalia e quasi sempre CRIF) che permarrà per 36 mesi (tre anni).

Così come per 36 mesi (tre anni) dalla data in cui avrebbe dovuto essere pagata l'ultima rata prevista dal piano di ammortamento di rimborso di un prestito, permane, nelle centrali rischi, la segnalazione relativa ad una morosità non sanata.

14 giugno 2018 · Simonetta Folliero

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cattivi pagatori - iscrizione in centrale rischi
fido bancario - apertura di credito

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Fido in conto corrente - Dalla Commissione di Massimo Scoperto (CMS) alla Commissione di Affidamento (CA)
La commissione di massimo scoperto (CMS) venne introdotta nei contratti bancari a partire dal gennaio 1952 come il corrispettivo dell'obbligazione assunta dalla banca di tenere a disposizione del cliente una determinata somma di denaro per un periodo di tempo (determinato o indeterminato), indipendentemente dal suo effettivo utilizzo, finalizzata a compensare ...
Apertura di credito in conto corrente - In caso di sconfinamento il tasso extra fido va applicato alla sola quota eccedente la disponibilità del fido
La clausola che prevede l'applicabilità del tasso extra fido a tutta la somma utilizzata (allora anche a quella intra fido) è nulla, risultando ingiustificatamente penalizzante e modificativo dell'equilibrio complessivo del contratto. Uno sconfinamento di modesta entità e durata non può provocare l'applicazione all'intera linea debitoria di un tasso differente rispetto ...
Rapporto di conto corrente - La banca deve astenersi da qualsiasi movimentazione successiva alla morte del titolare
Il rapporto di conto corrente, in quanto riconducibile al rapporto di mandato, deve ritenersi automaticamente estinto con il decesso del titolare. Infatti, sebbene la normativa concernente il conto corrente bancario non specifichi gli effetti conseguenti al decesso del titolare, tuttavia, la dottrina e la giurisprudenza prevalenti vedono nel conto corrente ...
Centrale dei rischi Banca d'Italia (CR) » Cos'è a cosa serve e come funziona: guida per debitori
Abbiamo spesso sentito parlare di una centrale dei rischi gestita dalla Banca d'Italia, ovvero la cosiddetta CR: ma, nel dettaglio, cos'è, di cosa si occupa e come funziona? Scopriamolo nel prosieguo dell'articolo. La Centrale dei Rischi è la banca dati pubblica, gestita da Banca d'Italia ed istituita nell'anno 1962. La ...
Conto corrente postale » Le nuove disposizioni dopo l'istruttoria dell'Antitrust
Conto corrente postale (BancoPosta): con la conclusione dell'indagine dell'Antitrust (Agcm), Poste Italiane ha deciso di adottare nuove regole a favore dei propri correntisti, per consentire tempi più rapidi e costi minori. Tra le nuove disposizioni è previsto il rispetto di tempo massimo di chiusura del conto corrente in 15 giorni. ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca