Scoperto di conto corrente - Come funziona la segnalazione in Centrale Rischi?

Per una Srl di famiglia ho fatto da garante per un prestito e per un fido di conto: nel 2009 è stato concesso il fido di conto che ha attualmente uno scoperto di circa 4000 euro. Nel 2013 è stato concesso da un altro istituto bancario un prestito della durata di 48 mesi che aveva come data fine febbraio 2017. Il finanziamento ha rate insolute per un totale di circa 5400 euro. Il mio nome nelle segnalazioni Crif dovrebbe essere cancellato a febbraio 2020 per quanto riguarda il finanziamento indipendentemente dal saldo del relativo debito (tre anni dalla data di fine finanziamento previsto)? Per il fido di conto invece come si calcola non essendo indicata una data di fine?

Con l'affidamento in conto corrente, la banca mette a disposizione del cliente una somma di denaro, concedendogli la facoltà di addebitare il conto corrente fino ad una cifra concordata, oltre la disponibilità propria del correntista.

La banca ha la facoltà di recedere in qualsiasi momento, anche con comunicazione verbale, dall'affidamento, nonché di ridurlo o di sospenderlo; per il pagamento dello scoperto viene dato generalmente al debitore, con lettera raccomandata, un preavviso non inferiore a un giorno.

Ora, il debito rappresentato dall'entità dello scoperto di conto corrente diviene certo, liquido, ed esigibile quando:

  • la banca recede dal contratto di affidamento per giusta causa, ad esempio, dopo avere accertato e classificato in sofferenza la posizione debitoria del correntista;
  • il correntista chiude il conto corrente (come sappiamo, il rapporto può essere chiuso anche se in rosso)

A questo punto, il creditore esigerà formalmente il rientro dall'esposizione debitoria, concedendo al debitore il pagamento entro un certo termine, scaduto il quale scatterà la segnalazione in Centrale Rischi (CR Bankitalia e quasi sempre CRIF) che permarrà per 36 mesi (tre anni).

Così come per 36 mesi (tre anni) dalla data in cui avrebbe dovuto essere pagata l'ultima rata prevista dal piano di ammortamento di rimborso di un prestito, permane, nelle centrali rischi, la segnalazione relativa ad una morosità non sanata.

14 giugno 2018 · Simonetta Folliero

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cattivi pagatori - iscrizione in centrale rischi
fido bancario - apertura di credito

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca