Pensione già pignorata e mantenimento familiare – Non mi dovrebbero lasciare almeno la metà del rateo mensile?


Ho una pensione di 1270 euro: di cui circa 300 sono in fase di pignoramento ma non siamo ancora comparsi davanti al giudice del pignoramento.

Nel frattempo mi sono separato e il giudice ha deciso 600 euro per mia moglie predisponendo il pagamento diretto da parte dell’inps (sono pensionato). Mia moglie ha già mandato la notifica all’inps per farmi prelevare questi 600 euro. La domanda è: l’inps procederà a dare comunque queste 600 euro a mia moglie? Anche se sono soggetto a trattenute dovute al pignoramento? Potete spiegare in modo semplificato la risposta?

Se sua moglie separata le avesse pignorato lo stipendio per il mancato pagamento dell’assegno di mantenimento, il creditore ordinario procedente successivo avrebbe preso molto meno di 300 euro: precisamente solo 35 euro. Questo perché secondo l’articolo 545 del codice di procedura civile la somma di tutti i pignoramenti non può superare la metà della pensione. A lei, pertanto, sarebbero rimasti 635 euro.

Purtroppo, però, la coniuge separata avente diritto al mantenimento, non le ha pignorato nulla, ma ha semplicemente ottenuto il diritto al pagamento diretto, da parte dell’INPS, ex articolo 8 della legge 898/1970, dei 600 euro fissati dal giudice come importo dell’assegno di mantenimento.

In conclusione, lei non è più tutelato dall’articolo 545 del codice di procedura civile e a fine mese resterà con soli 370 euro.

14 Gennaio 2018 · Annapaola Ferri



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pensione già pignorata e mantenimento familiare – Non mi dovrebbero lasciare almeno la metà del rateo mensile?