Pensione di reversibilità e richiesta di assegno al nucleo familiare (ANF)


Mia sorella ed il suo nucleo familiare composto dal coniuge e da un bambino di 9 anni hanno come unica entrata la pensione ai superstiti concessa al minore in quanto era a carico del defunto nonno paterno, di circa 800 euro mensili.

Mi chiedevo se per incrementare questo importo è possibile richiedere all’Inps l’assegno per il nucleo familiare. In caso affermativo, questo ulteriore importo si cumula con il reddito imponibile oppure è da considerarsi esente? La casa di proprietà dei genitori del minore osterebbe a tale richiesta?

L’Assegno per il Nucleo Familiare (ANF) è una prestazione a sostegno del reddito delle famiglie dei titolari di pensione a carico del Fondo pensioni lavoratori dipendenti: in pratica, non spetta ai titolari di pensione a carico delle gestioni speciali dei lavoratori autonomi (artigiani, commercianti, coltivatori diretti, coloni e mezzadri).

Per i titolari di pensione ai superstiti (reversibilità), il nucleo ha diritto all’ANF se composto dal coniuge superstite che ha titolo alla pensione e dai figli minori titolari o contitolari della pensione. Il titolare di pensione ai superstiti può chiedere l’ANF anche solo per se stesso, purché sia inabile oppure orfano minore.

21 Ottobre 2019 · Tullio Solinas



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?