Penale non versata per assegno non pagato in prima presentazione ed iscrizione nella Centrale d'Allarme Interbancaria (CAI) - Come posso porre rimedio alla situazione venutasi a creare?

Ho appena scoperto di essere in segnalazione CAI: perché l'assegno era stato pagato in seconda presentazione, non sapendo che dovevo la penale e non essendo arrivata alcuna comunicazione scritta ho telefonata della banca.

Adesso i 60 giorni sono scaduti il 30 settembre. Cosa posso fare? Il 10% adesso a chi lo devo dare?

Presumibilmente, l'assegno è stato pagato in seconda presentazione per evitarle il protesto: il che avrebbe significato per lei un ulteriore problema, dal momento che nel RIP (registro Informatico dei Protesti) ci si resta per ben 5 anni, quando il protesto è levato per l'emissione di assegni privi di sufficiente liquidità in conto corrente per la loro copertura.

La penale del 10% avrebbe dovuto essere pagata al beneficiario, ma prima del decorso dei 60 giorni dalla scadenza dei termini di presentazione dell'assegno, allo scopo di evitare la segnalazione in CAI (e quella al Prefetto). Inutile chiudere la stalla se i buoi sono scappati.

Adesso dovrà rispettare i sei mesi di revoca di sistema, cioè dovrà stare attenta a non emettere altri assegni in tale periodo, per evitare ulteriori guai di recidiva.

Entro cinque anni le arriverà anche una sanzione amministrativa, comminata dal Prefetto, per l'emissione di assegni a vuoto.

La banca avrebbe dovuto notificarle un preavviso di revoca di sistema, istruendola sulla procedura da seguire per evitare la segnalazione in CAI.

Se proprio vuole togliersi lo sfizio di contestare alla banca il comportamento scorretto che le ha procurato i problemi di cui si discute, deve inviare alla banca una raccomandata AR in cui reclama il difetto di informazione.

Scaduti i 30 giorni, a fronte del silenzio dell'istituto di credito o di una risposta non soddisfacente, potrà rivolgersi all'Arbitro Bancario Finanziario (ABF) per chiedere la condanna della banca ad un risarcimento equo per i danni patiti.

La procedura di contestazione presso l'ABF non richiede l'assistenza di un legale nè la presenza fisica del ricorrente; può essere avviata con l'inoltro, via posta, di un dossier dettagliato dei soli fatti (nessuna citazione leguleia è richiesta) e costa solo 20 euro per i diritti di segreteria che, in caso di accoglimento del ricorso, le dovranno essere rimborsati dalla controparte.

Si tratta, più che altro, di un'azione simbolica per affermare i propri diritti, dal momento che il ricorso non potrà comportare la cancellazione dalla CAI prima dei sei mesi (non si può negare che l'assegno fosse effettivamente senza copertura); ma potrebbe servirle anche per recuperare qualcosina per il pagamento della multa che le sarà comminata dal Prefetto.

Qui le istruzioni nel caso volesse avvalersi di questa possibilità.

28 ottobre 2017 · Simonetta Folliero

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

CAI - segnalazione per assegni privi di copertura

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assegno – i termini di presentazione
L'assegno bancario ha la funzione economica di mezzo di pagamento: può essere utilizzato in sostituzione del denaro da chi ha una disponibilità di fondi presso una Banca. In tal caso, il cliente della Banca, anziché prelevare i soldi per pagare un creditore, può dare l'ordine alla Banca di effettuare il ...
Procedura di richiamo di un assegno bancario o postale privo di copertura - Come evitare il protesto e la segnalazione alla Centrale di Allarme Interbancaria (CAI)
Prima di passare alla trattazione del richiamo di un assegno bancario o postale privo di copertura, ci sembra utile ricordare che per traente si intende il soggetto che emette l'assegno; la banca trattaria è la banca presso la quale è intrattenuto il rapporto di conto corrente da cui devono essere ...
L'ordine di non pagare l'assegno ha efficacia solo dopo la scadenza del termine di presentazione
L'assegno è un titolo esecutivo: ciò significa che, se presentato all'incasso nei termini previsti dalla legge e decorrenti dalla data indicata nel modulo, deve essere pagato. Il termine di presentazione è: otto giorni, se l'assegno è pagabile nello stesso comune in cui è stato emesso; quindici giorni, se l'assegno è ...
Assegno scoperto - Il preavviso di iscrizione in CAI va notificato anche al soggetto eventualmente delegato all'emissione
Nel caso di mancato pagamento, in tutto o in parte, di un assegno per difetto di provvista, la legge 386/1990 (articolo 9 bis) dispone che la banca comunichi al traente (il titolare del conto corrente da cui è stato emesso l'assegno) che, decorso il termine di sessanta giorni dalla data ...
Iscrizione in CAI - Illegittima se il pagamento tardivo dell'assegno viene comunicato oltre i termini di legge ma prima che sia stata attivata la procedura di segnalazione
Può accadere che il pagamento tardivo di un assegno scoperto avvenga entro i 60 giorni previsti e che la comunicazione dell'avvenuta regolarizzazione (quietanza liberatoria) giunga alla banca dopo tale termine, ma prima che sia stato dato avvio alla procedura di segnalazione in CAI (Centrale Rischi Interbancaria). In tale ipotesi, è ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca