Passaggio del dipendente a nuova società subentrata e destinazione della rata di rimborso della cessione del quinto

Ho maturato con una società il mio TFR di euro 3 mila e 450 e avevo una cessione del quinto con una rata di 214 euro. La società dal 30/02/2018 ha lasciato l'appalto ed è subentrata una nuova società operativa dal 01/03/2018. Da 5 mesi continuo a pagare la rata di euro 214. Ieri mi è arrivata da parte della vecchia società una comunicazione che il mio TFR MATURATO lo daranno tutto alla finanziaria cche ha erogato il prestito dietro cessione del quinto.

Visto che sto rispettando il contratto e continuo a pagare la rata, posso chiedere che il mio TFR venga trasferito alla mia nuova società?

Con la cessione del quinto, l'importo del Trattamento di Fine Rapporto (TFR) maturato dal debitore viene vincolato a coprire, fino a capienza, il capitale residuo non rimborsato del prestito in caso di licenziamento o dimissioni volontarie del lavoratore ceduto.

Strano, quindi, che la nuova società continui a prelevare la rata: bisognerebbe capire che fine fa l'importo sottratto dalla busta paga. Pertanto, non resta che contattare la finanziaria che ha erogato il prestito per capire se effettivamente c'è stato, pr errore, un doppio rimborso (prelievo del TFR nonostante la continuità di del pagamento rateale), oppure, se la nuova società trattiene la rata ma non la versa a chi dovrebbe.

21 luglio 2018 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cessione del quinto

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Riduzione della retribuzione ed effetti sulla cessione del quinto
Qualunque vicenda che incida sulla misura della retribuzione può, in concreto, produrre effetti anche sulla cessione del quinto dello stipendio: si pensi, per esempio, alla trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale, all'irrogazione di una sanzione pecuniaria o di una sospensione per illecito disciplinare che decurti ...
Contratti di prestito – rinnovo della cessione del quinto
Il lavoratore dipendente che ha in corso una cessione del quinto può chiederne il rinnovo della cessione prima della data di scadenza. Questa è una caratteristica della cessione del quinto che può risultare molto importante. Procedere al rinnovo della cessione significa erogare un nuovo finanziamento che viene in parte utilizzato ...
Cessione del quinto » Piccolo prontuario per il debitore
La Cessione del quinto è un prestito personale con massima libertà di utilizzo della somma ricevuta. Il richiedente in cambio “cede” una parte del suo stipendio o della sua pensione (al massimo di un quinto) autorizzando il suo datore di lavoro a trattenere ogni mese dalla busta paga o dalla ...
Cessione del quinto dello stipendio e pignoramento
La legge disciplina l'ipotesi del cumulo della cessione con uno o più eventuali pignoramenti della retribuzione. Il cumulo può verificarsi in due distinte ipotesi, in relazione alle quali il legislatore fissa precisi limiti quantitativi. Qualora la retribuzione del lavoratore sia già gravata da una trattenuta a titolo di pignoramento e ...
Estinzione anticipata e rinnovo della cessione del quinto - regole
La legge non consente che sulla stessa retribuzione gravino più cessioni contemporaneamente. Al fine di limitare la reiterazione di cessioni, è inoltre previsto che il dipendente possa estinguere anticipatamente il residuo del debito contratto con l'istituto di credito mediante cessione dello stipendio, purchè siano trascorsi due anni dall'inizio della cessione ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca