Parcheggi low cost nei pressi degli aeroporti - Cosa si rischia concretamente?

Un mio amico in partenza per le vacanze ha scelto, per comodità e per risparmiare qualcosina, di lasciare la macchina in uno dei parcheggi low cost nei pressi dell'aeroporto di Fiumicino: al ritorno, però, dice di aver trovato la macchina con almeno 50 km in più.

Non aveva, però, la foto del contachilometri: dunque non so se sia suggestione o meno.

Sapete qualcosa in merito a questi parcheggi?

Qualche settimana fa è venuto alla luce uno scandalo, per quanto riguarda Easyparking e i parcheggi low cost vicini agli aeroporti: molte auto, a causa dell'eccessiva richiesta estiva, venivano spostate altrove, all'insaputa degli automobilisti.

I clienti, dunque, lasciavano le auto al parcheggio legale, che si trova a pochi minuti dallo scalo aeroportuale, convinti di affidarsi a un servizio in grado di garantire nel miglior modo possibile la sicurezza dell'automezzo, come assicurato sul sito web del parcheggio, dove si promettono anche controlli costanti (24 ore al giorno per 365 giorni l'anno) con telecamere e barriere anti intrusione.

Poi i titolari spostavano centinaia di macchine in altre aeree non protette, per poter accogliere più mezzi.

Ci sono anche casi di macchine lasciate lungo la strada, ma non solo.

Alcune persone, di rientro dalle vacanze, assicurano di aver trovato le automobili graffiate e addirittura con diverse centinaia di km in più sul contagiri.

Altre esperienze, al limite del reale, sono quelle di chi al ritorno non ha potuto riprendere le auto, perché i proprietari del parcheggio avevano smarrito le chiavi.

Insomma, un'odissea infinita.

Dunque, bisogna fidarsi di questi parcheggi?

In linea generale, la stragrande maggioranza è onesta.

Certo, se si riesce ad utilizzare il parcheggio ufficiale dell'aeroporto (che costa di più), prendere un taxy o a farsi accompagnare, si rischia meno.

Comunque, se si opta per il parcheggio low cost, sempre meglio prendere qualche precauzione: foto al contagiri, all'automobile (per poter riscontrare danneggiamenti successivi), e ricordarsi sempre di portare il libretto con se.

Forse anche meglio lasciarla quasi a secco di benzina: non si sa mai.

29 agosto 2018 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

tutela consumatore
tutela consumatore - truffe

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Autovelox e foto in cui appaiono estranei all'infrazione - Privacy?
Sono Francesco e vi scrivo da Roma: qualche settimana fa, mi sono recato con alcuni amici a Firenze, per una gita fuori porta. Eravamo due macchine. La vettura davanti a me, che era un mio amico, ha superato il limite di velocità, ed è stata fotografata dall'autovelox, mentre io mi ...
I parcheggi, non di proprietà esclusiva, in un garage condominiale o su una parte comune
I parcheggi in un condominio costituiscono spesso motivo di litigio. A norma dell'articolo 1102 del codice civile, tutti i proprietari possono usufruire dei parcheggi esistenti, sempre che l'assemblea condominiale, con deliberazione unanime, non deliberi una diversa disposizione. Se i parcheggi sono insufficienti, può essere introdotta una occupazione a turno. Se ...
Talvolta anche il pedone investito ha torto
Secondo il codice civile, il conducente di un veicolo è obbligato a risarcire il danno prodotto a persone o a cose derivanti dalla circolazione del veicolo, se non prova di aver fatto tutto il possibile per evitare il danno. Opera dunque una presunzione di responsabilità a carico del conducente del ...
Il debitore che ammette il debito o ne contesta l'importo rischia di non beneficiare della prescrizione presuntiva
Non può essere accolta la prescrizione presuntiva del credito quando il debitore ammette la mancata estinzione del debito e/o quando il debitore ne contesta la congruità. Secondo giurisprudenza consolidata, infatti, l'ammissione del debitore di non aver estinto il debito ovvero la contestazione, da parte dello stesso, dell'entità dell'importo preteso dal ...
Multa per mancato rispetto delle norme sui parcheggi » Nulla se l'ausiliario che l'ha elevata non è abilitato
Multa per divieto di sosta o parcheggio senza ticket sulle strisce blu: se l'ausiliare del traffico non è abilitato può essere nulla. Nel giudizio di opposizione al verbale di multa, di fronte alla contestazione del trasgressore, è il Comune che deve dimostrare come l'accertatore fosse autorizzato a rilevare l'infrazione alle ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca