Pagamento in ritardo di una Ricevuta Bancaria (RIBA) e data base dei cattivi pagatori

Sono un commerciante, quindi particolarmente sensibile alla eventuale inclusione nei data base dei cattivi pagatori. Per questo motivo mi sono posto una domanda: il mancato pagamento di una RiBa (Ricevuta Bancaria), provoca l’inserimento in automatico nella lista dei cattivi pagatori? Anche se nel giro di pochi giorni il debito commerciale viene saldato? O comunque influisce in qualche modo su quello che in gergo viene chiamato “credit score”? Grazie mille per l’attenzione e la risposta.

I ritardatari nel saldo di fatture commerciali non vengono censiti nelle centrali rischi dei cattivi pagatori, che censiscono, invece, ritardi ed omissioni nel rimborso di prestiti erogati o di affidamenti in conto corrente.

Eventualmente, nel caso in commento, si applica quanto disposto nel decreto legislativo 231/2002 (Attuazione della direttiva europea relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali).

Il termine di pagamento non può superare trenta giorni dalla data di ricevimento da parte del debitore della fattura o di una richiesta di pagamento di contenuto equivalente.

Il creditore ha diritto alla corresponsione degli interessi moratori ((sull’importo dovuto)),salvo che il debitore dimostri che il ritardo nel pagamento del prezzo e’ stato determinato dall’impossibilita’ della prestazione derivante da causa a lui non imputabile.

Gli interessi moratori decorrono, senza che sia necessaria la costituzione in mora, dal giorno successivo alla scadenza del termine per il pagamento.

Gli interessi moratori sono determinati nella misura degli interessi legali di mora. Il tasso di riferimento, stabilito dal Ministero dell’economia e delle finanze (MEF) (qui una esauriente tabella di dati storici) ed e’ cosi’ determinato:

a) per il primo semestre dell’anno cui si riferisce il ritardo, e’ quello in vigore il 1° gennaio di quell’anno;
b) per il secondo semestre dell’anno cui si riferisce il ritardo, e’ quello in vigore il 1° luglio di quell’anno.

15 Ottobre 2019 · Stefano Iambrenghi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Minaccia di iscrizione a registro cattivi pagatori da compagnie di telefonia? - Arrivano le sanzioni dell'Agcm
Avendo dei pagamenti in ritardo con la mia compagnia di telefonia mobile, molto nota nel settore, ho ricevuto delle vere e proprie intimidazioni: nel dettaglio, e-mail ed sms dove venivo minacciato, qualora non avessi saldato il debito, di essere iscritto in un registro di cattivi pagatori, denominato SIMoITel. Esiste questa banca dati? Cosa posso fare per difendermi? ...

Cattivi pagatori e rate pagate in ritardo
Il Decreto Sviluppo convertito in legge il 12 luglio 2011, nell'articolo 8-bis riguardante la cancellazione di segnalazioni dei ritardi di pagamento, fissava il termine di 5 giorni lavorativi per oscurare le informazioni relative a ritardi di pagamento di rate mensili o semestrali. Al momento della regolarizzazione dei pagamenti, le segnalazioni sui ritardi inserite nelle banche dati devono essere cancellate entro cinque giorni lavorativi da intermediari e banche. Le segnalazioni già registrate dovranno essere estinte entro quindici giorni dall'entrata in vigore della legge di conversione del decreto in esame (7 luglio 2011) se relative al mancato pagamento di un numero di ...

Per sapere se si è iscritti come cattivi pagatori in qualche centrale rischi
Come posso sapere se si è cattivi pagatori e come si può essere cancellati dopo quanto tempo decade in prescrizione? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pagamento in ritardo di una Ricevuta Bancaria (RIBA) e data base dei cattivi pagatori