Pagamento diritti camerali per persona fallita

Con la presente per chiedere gentilmente un consiglio inerente all'obbligo di pagamento dei diritti camerali di una società in accomandita semplice dove il socio accomandatario risulta fallito, questo è il mio caso personale, fallito nel 1992 come persona e socio accomandatario di una s.a.s assieme a mio padre; la società non è stata chiusa dal giudice fallimentare e l'iscrizione camerale è andata avanti negli anni
il fallimento si è concluso nel 1998 e non ho provveduto nè a comunicare alla camera di commercio la fine attività aziendale nè a chiudere questa società , ero convinto, essendo stato interdetto giuridicamente, che venisse chiusa dal giudice stesso
chiedo gentilmente consiglio visto che la camera di commercio mi chiede i diritti di iscrizione camerale dagli anni 2001 ad oggi, provvedo entro il mese di dicembre a chiudere questa società , faccio altresì presente che nel 2002 è morto il socio accomandante (il mio ex padre)
ringrazio anticipatamente
fabio matteotti

Le suggerisco di presentare istanza in autotutela allegando la documentazione relativa alla dichiarazione di fallimento del '98. Sarà difficile sostenere che una società in cui la compagine sociale è stata dichiarata fallita possa avere avuto qualche interesse a mantenere l'iscrizione camerale.

13 dicembre 2013 · Annapaola Ferri

Approfondimenti e integrazioni dal blog

L'ingerenza del socio accomandante nella gestione della sas comporta responsabilità patrimoniale illimitata e solidale
L'ingerenza del socio accomandante ovvero l'attività di gestione interna ed esterna o l'accordo tacito intercorso con il socio accomandatario sono aspetti irrilevanti qualora il terzo abbia concluso un contratto preliminare con la società in accomandita in persona del soggetto, peraltro qualificatosi socio, che essendo l'accomandante non aveva il potere di ...
Da SAS a SRL dopo un anno? » Socio illimitatamente responsabile non fallisce
Dopo la trasformazione da società Sas ad Srl, soltanto la nuova società risponde delle nuove obbligazioni sociali. Cio perchè, decorso un anno dall'iscrizione della trasformazione nel registro delle imprese, non può più essere dichiarato il fallimento del socio già illimitatamente responsabile. Infatti, in tema di trasformazione della società in accomandita ...
Equitalia » Valido il fermo amministrativo e il pignoramento dei contributi pubblici
Equitalia: si al fermo amministrativo e al pignoramento semplificato sui contributi pubblici ottenuti dall'azienda debitrice. Equitalia può spiccare il fermo amministrativo e il pignoramento semplificato sui contributi pubblici ottenuti dall'azienda debitrice. Ciò perché la speciale procedura non concerne un rapporto fra privati ma fra amministrazione e società. Questo, riassunto brevemente, ...
Il risarcimento dei danni subiti da una società di persone non può essere chiesto dal singolo socio
Qualora vengano posti in essere atti in danno di una società di persone, la legittimazione ad agire per il risarcimento dei danni spetta esclusivamente alla società e non al singolo socio, attesa l'autonomia patrimoniale della società, costituente entità distinta dai soci, con un proprio patrimonio e con una propria capacità ...
Requisiti che comportano obbligo di iscrizione alla gestione assicurativa degli esercenti attività commerciali per soci a responsabilità limitata, accomandatari e in nome collettivo
L'obbligo di iscrizione nella gestione assicurativa degli esercenti attività commerciali sussiste per i soggetti che siano in possesso dei seguenti requisiti: siano titolari o gestori in proprio di imprese che, a prescindere dal numero dei dipendenti, siano organizzate e/o dirette prevalentemente con il lavoro proprio e dei componenti la famiglia, ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca