Pagamenti in contante demonizzati – Pos: ma quanto ci costi? La parola ai commercianti

Sono un commerciante e condivido l’idea proposta da governo e istituzioni, di limitare l’uso del contante per aumentare i pagamenti tracciabili: sarebbe anche ora, però, di diminuire i canoni impostaci dalle banche per utilizzare i POS.

Altrimenti, per continuare a guadagnare qualcosa, saremmo sempre costretti ad aumentare i prezzi o a rifiutare i pagamenti tracciabili.

Dobbiamo campare anche noi, insomma!

Negli ultimi mesi il governo e le istituzioni hanno ha chiesto rigore contro l’evasione fiscale: uno dei metodi, sicuramente, è ridurre i contanti promuovendo l’uso dei pagamenti elettronici.

Ma quanto costa a un esercente un pagamento tramite Pos e come funziona?

Non è possibile definire un importo esatto, perché la spesa è dovuta a vari fattori, nello specifico quattro:

  • costo dell’installazione. Sebbene sia una spesa che si deve sostenere solo una volta, è da considerarsi nel totale. Comprende il costo dell’hardware, il tecnico per l’installazione a domicilio, l’abbinamento del lettore al proprietario, la configurazione della rete e i test per verificare il funzionamento;
  • canone mensile. Per accettare i pagamenti con il Pos, ogni esercente deve tenere conto anche di questo: periodicamente deve versare una somma per il comodato d’uso;
  • costo fisso per transazione. Ogni pagamento con il Pos prevede pochi centesimi – generalmente non più di 10 – che alcuni istituti bancari fanno pagare per ogni transazione effettuata;
  • costo percentuale di ogni pagamento. Questo dipende dal circuito utilizzato e dalla tipologia di carta, comunque, per ogni pagamento con il Pos l’esercente deve pagare una commissione di una certa percentuale sul valore della transazione.

Ua domanda sorge quasi spontanea: è possibile risparmiare? Diciamo di sì. S

ono entrati in commercio i mobile Pos, che sono decisamente più economici perché azzerano i costi di installazione, dato che non è più necessaria la mediazione dei gestori dei terminali: tutto può essere effettuato in qualsiasi momento da remoto da parte dell’esercente.

Inoltre, il lettore per le carte viene acquistato definitivamente, azzerando i costi mensili del Pos.

Comunque, per incentivare i commercianti a mettersi in regola con l’obbligo del Pos, nella nuova manovra sono previsti anche dei Bonus, in vigore da luglio 2020: per gli esercenti ci sarà un credito d’imposta pari al 30% delle commissioni applicate sui pagamenti con carta di credito.

Inoltre,nei pagamenti con Pos ci sarà una riduzione del costo delle commissioni interbancarie allo 0,3% per le carte di credito e dello 0,2% per bancomat, carte di debito, postepay e paypal.

Ulteriori riduzioni sulle commissioni verranno poi applicate per i pagamenti con il Pos fino a 5 euro.

I maggiori benefici saranno sicuramente per le realtà più piccole che finora hanno faticato o non sono riuscite a garantire il pagamento elettronico.

17 Dicembre 2019 · Gennaro Andele

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Obbligo pagamenti con Pos - Le commissioni bancarie così alte obbligano i commercianti ad aumentare i prezzi?
Sono un commerciante, e voglio dire che (partendo dal presupposto che sono completamente favorevole alla lotta contro l'evasione fiscale) non si può pretendere che accettiamo pagamenti POS obbligatoriamente con delle commissioni da onorare alle banche così alte. Così facendo noi del settore siamo inevitabilmente costretti ad aumentare i prezzi e dunque anche il consumatore ne risponde. Possibile che ancora non si è capito questo? ...

Pagamenti con carta di credito - Ecco quando optare per i contanti per non spendere di più
Ho notato, purtroppo, che in Italia, per molti servizi, pagando con carta di credito si va a spendere di più, a causa di alcuni balzelli: mi sembra paradossale dato che proprio in questi giorni si legifera per disincentivare l'uso del contante. Prima di tutto, è lecito questo tipo di pratica? Come contrastarla? ...

Limitazioni all'uso del contante e dei titoli al portatore - Tutto come prima per quanto riguarda gli assegni
È vietato il trasferimento di denaro contante o di libretti di deposito bancari o postali al portatore o di titoli al portatore in euro o in valuta estera, effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi, quando il valore oggetto di trasferimento è complessivamente pari o superiore a 3.000 euro. Il trasferimento è vietato anche quando è effettuato con più pagamenti inferiori alla soglia che appaiono artificiosamente frazionati. Il trasferimento può tuttavia essere eseguito per il tramite di banche e Poste Italiane. Per il servizio di rimessa di denaro (money transfer) la soglia è di mille euro. Le modifiche apportate dalla ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pagamenti in contante demonizzati – Pos: ma quanto ci costi? La parola ai commercianti