Ordine ingiuntivo per una multa presa sui mezzi pubblici

Salve,

Ho appena ricevuto un ordine ingiuntivo per una multa presa sui mezzi pubblici nel 2008; vorrei capire quali saranno i passi successivi in caso di mancato pagamento. Una volta decorsi i 30 gg. di tempo che mi vengono concessi per pagare, rischio subito il pignoramento dei beni o ci saranno ulteriori avvisi (precetto, ecc.). Grazie!

Per aziende di trasporto comunali provinciali e regionali e da qualche tempo anche per Trenitalia, ex ferrovie dello stato, la riscossione coattiva delle multe non pagate viene effettuata tramite agente della riscossione (Equitalia o collegate e dal primo gennaio dell'anno prossimo dalle singole società che si aggiudicheranno le gare bandite dalla PA).

Tutta questa premessa per dirle solo che la procedura di escussione coattiva, nel caso in esame, avviene mediante procedura esattoriale: non c'è decreto ingiuntivo (quello emesso da GdP o Tribunale) nè precetto. Ci sarà per lei, in caso di mancato pagamento dopo l'ingiunzione dirigenziale, una cartella esattoriale emessa dall'Agente per la Riscossione incaricato, che racchiude in sé gli effetti del decreto ingiuntivo e del precetto.

Decorsi i 60 giorni per pagare o proporre ricorso (per i vizi della cartella, non nel merito della legittimità della multa) potranno essere attivate le procedure di riscossione forzata.

Le misure adottabili escludono fermo amministrativo ed ipoteca sulla casa, ammesse solo quando il debito abbia origini fiscali (omesso o parziale pagamento delle tasse dovute).

Restano il pignoramento del conto corrente o il pignoramento presso terzi (pignoramento del quinto dello stipendio se il trasgressore è un lavoratore dipendente). In linea del tutto teorica, ma meno frequente, può essere effettuato anche il pignoramento presso la residenza del debitore.

Le azioni appena indicate vengono precedute da una intimazione al pagamento (o avviso bonario) con termine perentorio per provvedere al pagamento di cinque giorni.

13 novembre 2011 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

multa
pagamento multa

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Infortunio per incidente stradale avvenuto nel percorso per raggiungere il posto di lavoro » Nessun risarcimento danni: il danneggiato poteva utilizzare i mezzi pubblici
Infortunio a causa di sinistro stradale durante il tragitto per raggiungere il proprio posto di lavoro: non si ottiene il risarcimento perché l'auto non è mezzo normale per andare a lavoro. Nessun risarcimento per l'infortunio in itinere se l'uso della propria autovettura non era necessario. Il modo normale e più ...
Emissione decreto ingiuntivo - Le spese legali sostenute successivamente non possono essere intimate tramite precetto
Qualora il debitore abbia pagato per intero la somma indicata nel titolo esecutivo, comprensiva delle spese processuali ivi liquidate, il creditore non può, successivamente a tale pagamento, intimare precetto, sulla base dello stesso titolo, per il pagamento delle spese processuali sostenute dopo l'emissione di quest’ultimo e necessarie per la sua ...
Ricorso al verbale di multa elevato da un ausiliare del traffico per circolazione in corsia riservata ai mezzi pubblici
Gli ausiliari del traffico sono legittimati ad accertare e contestare le violazioni al codice della strada solo se queste ultime concernano le disposizioni in materia di sosta, ma non sono abilitati a rilevare infrazioni inerenti a condotte diverse, come quelle attinenti alla circolazione in corsie riservate ai mezzi pubblici, le ...
Equitalia » Valido il fermo amministrativo e il pignoramento dei contributi pubblici
Equitalia: si al fermo amministrativo e al pignoramento semplificato sui contributi pubblici ottenuti dall'azienda debitrice. Equitalia può spiccare il fermo amministrativo e il pignoramento semplificato sui contributi pubblici ottenuti dall'azienda debitrice. Ciò perché la speciale procedura non concerne un rapporto fra privati ma fra amministrazione e società. Questo, riassunto brevemente, ...
Pignoramento » Il precetto non deve essere rinnovato per più procedure di esecuzione forzata
Qualora fosse in atto più di un pignoramento, il creditore può utilizzare lo stesso precetto fino a che ha ottenuto il risanamento del debito: se non sono scaduti i 90 giorni, infatti, il precetto in rinnovazione è un atto che non ha alcuna utilità. Come chiarito in diversi interventi sul ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca