Ordine diretto di pagamento all'INPS ex articolo 156 del codice civile - Come farà il mio coniuge separato a sopravvivere?

Mi sono separata da mio marito e il giudice nel mese di dicembre 2017 ha stabilito 60 euro per il mantenimento familiare, che deve essere prelevato forzatamente dalla sua pensione ex articolo 156 del codice civile.

Premetto che mio marito percepisce una pensione di 1270 euro ed è soggetto ad una trattenuta per un pignoramento di 125.00 euro da parte dell'INPS.

L'INPS, dopo mesi di solleciti mi dice che a maggio provvederà a pagare ciò che ha deciso il giudice della separazione. Premetto che l'INPS non ha trattenuto alcuna somma da dicembre riguardo la decisione del giudice.

Come faranno a darmi gli arretrati che si sono cumulati in questi mesi. dato che non hanno trattenuto nessuna somma e dato che mio marito rimarrebbe con soli 500 euro per vivere?

Sembrerebbe toccante la domanda se fosse posta dal coniuge beneficiario del provvedimento, anche se qualche maligno potrebbe pensare che la preoccupazione sarebbe finalizzata solo ad assicurasi che la gallina dalle uova d'oro possa restare in vita.

Dal nick dell'autore sembrerebbe, invece, che a porre la domanda sia il coniuge obbligato, forse per avere lumi circa il destino (amaro) che l'attende.

La legge non pone alcun limite all'importo relativo all'ordine diretto di pagamento ex articolo 156 del codice civile: non vale l'impignorabilità del minimo vitale della pensione, nè la regola secondo la quale pignoramenti pregressi e quello in corso non possono eccedere la metà della pensione, così come previsto dall'articolo 545 del codice di procedura civile.

In pratica, l'ordine diretto di pagamento del Presidente del Tribunale ex articolo 156 del codice civile non equivale ad un pignoramento.

In altre parole non esiste, ad oggi, una norma che equipari anche l'ordine di pagamento diretto, ex articolo 156 del codice civile, ad un pignoramento e limiti, quindi, l'entità della somma assegnata al beneficiario del mantenimento.

Pertanto può capitare che la pensione (o la busta paga) del coniuge obbligato al pagamento possa essere oberata da prelievi alla fonte, in conseguenza di pignoramenti, cessione del quinto e ordine di pagamento diretto, ex articolo 156 del codice civile, in misura superiore alla metà.

Per prassi, motivata da ragioni di giustizia sociale, l'INPS paga gli arretrati facendo attenzione esclusivamente a rispettare la regola (interna) che la pensione del soggetto obbligato, dopo i prelievi coattivi (nella fattispecie pignoramento ed ordine diretto di pagamento) non scenda al di sotto dell'importo equivalente all'assegno sociale, attualmente pari a circa 453 euro.

18 aprile 2018 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

assegno mantenimento - versamento diretto
pignoramento pensione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pignoramento stipendio e pensione su cui grava ritenuta ex articolo 8 legge 898/1970 o ordine di pagamento diretto del Tribunale ex articolo 156 codice civile
Come sappiamo l'articolo 8 della legge 898/1970 dispone che il coniuge cui spetta la corresponsione periodica dell'assegno di mantenimento, dopo la costituzione in mora a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento del coniuge obbligato e inadempiente per un periodo di almeno trenta giorni, può notificare il provvedimento in cui è ...
Come il coniuge beneficiario può riscuotere coattivamente l'assegno di mantenimento dal coniuge obbligato inadempiente ex articolo 156 del codice civile, senza effettuare il pignoramento presso il datore di lavoro o l'INPS
L'articolo 156 del codice civile stabilisce che, in caso di inadempienza, su richiesta dell'avente diritto, il giudice può ordinare ai terzi, tenuti a corrispondere anche periodicamente somme di danaro all'obbligato, che una parte di esse venga versata direttamente agli aventi diritto. In particolare, poi, l'articolo 8 della legge 898/1970 dispone ...
Il fondo di solidarietà a tutela del coniuge separato che versa in stato di bisogno
La legge di stabilità 2016 (commi 414, 415 e 416 dell'articolo 1) ha istituito, in via sperimentale con una dotazione di 250 mila euro per l'anno 2016 e di 500 mila euro per l'anno 2017, il Fondo di solidarietà a tutela del coniuge in stato di bisogno. A valere sulle ...
Richiesta di invalidità civile all'Inps » Quando scade Il termine per il ricorso in caso di rigetto
Invalidità civile: quando si considera maturato il termine di decadenza per l'indennità di accompagnamento? In tema di azione giudiziale per le prestazioni di invalidità civile, la normativa vigente; la cui efficacia è stata differita al 31 dicembre 2004, ha introdotto una decadenza prima inesistente, fissando il termine di sei mesi ...
Obbligo del mantenimento verso i figli - l'articolo 148 del Codice civile
L'articolo 148 del Codice civile prevede un procedimento speciale per ottenere in tempi rapidi la corresponsione del mantenimento per i figli. Questo procedimento può essere azionato da "chiunque vi abbia interesse". Potrebbero quindi ricorrere all'articolo 148 i seguenti soggetti: ciascuno dei genitori, legittimi o naturali; i figli maggiorenni, non ancora ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca