Ordine giudiziale di pagamento diretto all'INPS - Mi verrà versato l'assegno di mantenimento anche se la pensione del coniuge separato è già gravata da pignoramenti?

Il 22 dicembre scorso mi sono separata e il presidente del tribunale ha disposto provvedimenti temporanei e urgenti a mio favore: l'ordine di pagamento e stato correttamente inoltrato all'INPS il 27 dicembre.

Sono stati stabiliti 600 euro mensili con ordine di pagamento diretto all'Istituto Nazionale di Previdenza Sociale. Premetto che il mio coniuge separato percepisce 1270 euro di pensione ed ha vari pignoramenti sulla stessa somma.

La mia domanda è: L'INPS entro quando provvederà a pagarmi queste 600 euro mensili? E dato che il coniuge separato è sottoposto a vari pignoramenti e la pensione é solo di 1270 euro, l'INPS mi pagherà comunque i miei 600 euro decisi dal tribunale? Le somme sono spartite 300 per me e 300 per mio figlio.

L'INPS dovrà adempiere all'ordine di pagamento diretto, disposto dal Presidente del Tribunale, a partire da quando verserà il primo rateo di pensione successivo alla data in cui è stata ricevuta copia conforme del provvedimento giudiziale.

L'articolo 8 della legge 898/1970 dispone che il coniuge cui spetta la corresponsione periodica dell'assegno di mantenimento, dopo la costituzione in mora a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento del coniuge obbligato e inadempiente per un periodo di almeno trenta giorni, può notificare il provvedimento in cui è stabilita la misura dell'assegno ai terzi tenuti a corrispondere periodicamente somme di denaro al coniuge obbligato con l'invito a versargli direttamente le somme dovute, dandone comunicazione al coniuge inadempiente.

Peraltro anche l'articolo 156 del codice civile dispone che, su richiesta dell'avente diritto, il giudice può ordinare all'INPS, tenuto a corrispondere periodicamente la pensione all'obbligato, che una parte di essa venga versata direttamente agli aventi diritto, cioè sua moglie e suo figlio.

Entrambe le norme appena citate non interferiscono con l'articolo 545 del codice di procedura civile che mitiga gli effetti di pignoramenti concorrenti su pensioni e stipendi, ponendo come limite invalicabile, disponibile ai creditori procedenti, il 50% dell'importo accreditato al lavoratore o al pensionato sottoposto ad azione esecutiva.

Per farla breve, l'INPS dovrà versarle l'assegno di mantenimento nella misura disposta dal giudice anche se ciò comporterà l'azzeramento del rateo di pensione da accreditare al coniuge separato.

11 gennaio 2018 · Giorgio Martini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

assegno mantenimento - versamento diretto
separazione personale dei coniugi e divorzio

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pignoramento stipendio e pensione su cui grava ritenuta ex articolo 8 legge 898/1970 o ordine di pagamento diretto del Tribunale ex articolo 156 codice civile
Come sappiamo l'articolo 8 della legge 898/1970 dispone che il coniuge cui spetta la corresponsione periodica dell'assegno di mantenimento, dopo la costituzione in mora a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento del coniuge obbligato e inadempiente per un periodo di almeno trenta giorni, può notificare il provvedimento in cui è ...
La pensione di reversibilità va ripartita fra la vedova e il coniuge divorziato
Le norme inerenti la pensione di reversibilità, si interpretano nel senso che per titolarità dell'assegno deve intendersi l'avvenuto riconoscimento di esso da parte del Tribunale. Tale riconoscimento è intervenuto, essendo in corso il giudizio per la determinazione dell'assegno alla morte del pensionato, e il Tribunale ha dichiarato il diritto del ...
Azione revocatoria esperita dal coniuge beneficiario nei confronti del coniuge separato obbligato al mantenimento e inadempiente
Il codice civile stabilisce che l'azione revocatoria si prescrive in cinque anni dalla data dell'atto: tale norma deve essere interpretata nel senso che la prescrizione decorre dal giorno in cui dell'atto è stata data pubblicità ai terzi, in quanto solo da questo momento il diritto può esser fatto valere e ...
Ritenuta, sequestro e pignoramento dello stipendio o della pensione del coniuge obbligato al mantenimento
Il coniuge cui spetta la corresponsione periodica dell'assegno di mantenimento, dopo la costituzione in mora a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento del coniuge obbligato e inadempiente per un periodo di almeno trenta giorni, può notificare il provvedimento in cui è stabilita la misura dell'assegno ai terzi tenuti a corrispondere ...
Separazione personale e inadempimento del coniuge obbligato all'assegno di mantenimento - Accesso al fondo di solidarietà per il coniuge beneficiario che versa in stato di bisogno
La normativa vigente (comma 415 legge stabilità 2016) prevede che il coniuge separato in stato di bisogno, che non sia in grado di provvedere al mantenimento proprio e dei figli conviventi minori (o maggiorenni - ma se maggiorenni devono essere conviventi e portatori di handicap grave), qualora non abbia ricevuto ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca

Forum

Domande