Opposizione a comunicazione preliminare dell'avvio di procedure esecutive e cautelari

Abbiamo un'infrazione del CDS commessa a marzo 2006 e correttamente notificata a maggio 2006.

Poi, una cartella esattoriale emessa per il mancato pagamento della multa comminata per l'infrazione commessa nel 2006, notificata a dicembre 2012, anche se io non l'ho mai ricevuta.

E, quindi, un sollecito di pagamento della cartella esattoriale, inviato per posta semplice il giorno 1 luglio 2014, su cui non c'è la mia firma e che rappresenta una comunicazione (a cui non si applicano i commi 537/543 L. 228/2010) e non un atto notificato dall'agente della riscossione.

Quindi la cartella esattoriale è nulla, per violazione dei termini di decadenza previsti dalla legge, perchè se notificata all'obbligato dopo oltre cinque anni dalla data di notifica del verbale di multa.

Intendo fare opposizione al preavviso di fermo affinché venga dichiarata nulla l'azione esecutiva, ma il difensore del comune dice che in tal caso devo innanzitutto verificare se nella relata di notifica del 2012 c'è o meno la mia firma (che sicuramente non c'è, ma se c'è cosa cambia? me la consegneranno il 29/07) e che la comunicazione inviata a luglio 2014 è un atto inesistente perchè su di esso non c'è la mia firma, per cui devo attendere la notifica del provvedimento che dispone il fermo, firmarlo e fare opposizione.

Possibile che, data la situazione, non è consentita l'opposizione al preavviso di fermo? e se è consentita quanto tempo ho per fare opposizione?

Certamente il sollecito di pagamento della cartella esattoriale, inviato da Equitalia per posta semplice, non è impugnabile, trattandosi di un atto interno all'esattore. Tanto è vero che non c'è stata alcuna notifica formale.

D'altra parte la giurisprudenza, come spesso accade, non è univoca sulla possibilità di impugnare, oltre i termini previsti dalla legge, una cartella esattoriale correttamente notificata, anche se affetta da vizi (nel suo caso, la cartella esattoriale è stata notificata dopo cinque anni dalla data di notifica del verbale).

In altre parole, impugnando un atto successivo (come il preavviso di fermo amministrativo) si rischia di vedersi respinto il ricorso, in quanto la cartella esattoriale viziata, ma correttamente notificata, avrebbe potuto essere opposta nei sessanta giorni successivi alla sua notifica.

Per questo motivo, il difensore civico le suggerisce di verificare la correttezza della notifica della cartella esattoriale del 2012 ed impugnare il preavviso di fermo amministrativo solo se la cartella non è stata correttamente notificata. Così, giusto per andare sul sicuro.

Sull'argomento è disponibile questo articolo.

L'alternativa resta quella di procedere con opposizione all'esecuzione (ex art. 615 c.p.c.) prima che l'esecuzione abbia inizio (con il necessario supporto di un avvocato e con costi che, spesso, non compensano l'eventuale annullamento della cartella esattoriale).

22 luglio 2014 · Giuseppe Pennuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cartella esattoriale o ingiunzione fiscale originata da multa
mediazione e ricorso cartella esattoriale
notifica cartella esattoriale
prescrizione e decadenza della cartella esattoriale originata da multa
ricorso cartella esattoriale originata da multa

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Competenza territoriale del Giudice in opposizione a cartella esattoriale originata da multa - luogo di notifica della cartella o di accertamento infrazione?
Trattandosi di giudizio di opposizione all'esecuzione, incardinato ex articolo 615 cod. proc. civ. con riferimento alla cartella esattoriale con la quale è stato richiesto il pagamento di somma con contestuale avvertenza, in caso di mancato pagamento nel termine assegnato, dell'inizio del procedimento esecutivo, deve ritenersi che la individuazione della competenza ...
Opposizione a preavviso di fermo amministrativo per omessa notifica del verbale e della cartella esattoriale
Quando si contesta il preavviso di fermo amministrativo, rilevando la mancata notifica del verbale di accertamento delle violazioni del Codice e della cartella di pagamento e si eccepisce l'intervenuta prescrizione del diritto alla riscossione della sanzione, per essere decorsi più di cinque anni dalla violazione, l'azione va qualificata come opposizione ...
Differenza fra opposizione ad esecuzione ed opposizione agli atti esecutivi
Il criterio distintivo fra l'opposizione all'esecuzione (articolo 615 del codice di procedura civile) e l'opposizione agli atti esecutivi (articolo 617 del codice di procedura civile) si individua considerando che con l'opposizione all'esecuzione si contesta il diritto della parte istante di procedere ad esecuzione forzata per difetto originario o sopravvenuto del ...
Riscossione coattiva esattoriale e pignoramento - Opposizione all'esecuzione e agli atti esecutivi
Nella riscossione coattiva esattoriale si può impugnare la cartella di pagamento, regolarmente notificata, al fine di contestare il diritto del creditore di procedere ad esecuzione forzata per vizi sostanziali. In pratica per: contestare la legittimità dell'iscrizione a ruolo del debito (omessa notifica dell'atto presupposto, cioè dell'avviso di addebito, del verbale ...
Riscossione coattiva esattoriale - Opposizione agli atti esecutivi ed opposizione all'esecuzione
Nell'ambito del procedimento di riscossione coattiva esattoriale, al fine di valutare se esperire opposizione all'esecuzione ovvero opposizione agli atti esecutivi, vanno considerati i motivi dell'opposizione. I rimedi di opposizione proponibili avverso la cartella esattoriale emessa per la riscossione di sanzioni amministrative pecuniarie sono l'opposizione all'esecuzione ex articolo 615 codice procedura ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca