Opponibilità comodato d'uso gratuito

Trovo risposte discordanti e vorrei fare chiarezza.

Il comodato d'uso gratuito abitativo è opponibile all'ufficiale giudiziario dalla data di sottoscrizione o da quella di registrazione? Visto che ci sono 20 giorni per registrarlo e soprattutto deve essere fatto prima del decreto ingiuntivo o dell'effettiva iscrizione del pignoramento? So che sono dettagli ma... fanno la differenza!!!!

Ed inoltre, essendo le due parti marito e moglie con la medesima residenza, potrebbe essere motivo di appello per il creditore?

Vanno prese in considerazione data di registrazione del contratto e quella del titolo esecutivo.

Il buon senso e la ragionevolezza inducono a ritenere, a mero titolo di valutazione, opponibile al creditore un contratto di comodato fra soggetti che pur in coabitazione ed eventualmente legati da vincoli di affettività (con inserimento nel medesimo stato di famiglia) non siano interessati da relazioni di parentela e non abbiano contratto matrimonio (naturalmente se c'è la comunione dei beni il contratto è assolutamente inutile, a prescindere da eventuali impugnazioni da parte del creditore).

Ma, su questo non abbiamo dati di giurisprudenza a conferma

7 giugno 2012 · Ludmilla Karadzic

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pignoramento presso la residenza del debitore – se il valore dei beni pignorati non copre il debito
Se i mobili non coprono l'intero debito il pignoramento mobiliare non va a buon fine? Il creditore, tramite decreto ingiuntivo e precetto, può chiedere all'ufficiale giudiziario di eseguire un pignoramento presso la residenza del debitore. Non rileva che il valore dei mobili non copra l'intero debito. Il ricavato del pignoramento ...
Pignoramento immobiliare dopo trasferimento di residenza del debitore » Ecco quando non è più possibile
Per un proprietario di più immobili, titolare di debiti pregressi con Equitalia, è possibile, in caso di vendita di un'abitazione con trasferimento di residenza verso l'altra, sfuggire al pignoramento della casa? Nell'ipotesi in cui, un debitore, proprietario di due case (la prima, un'abitazione di lusso dove c'è l'effettiva residenza, mentre ...
Riscossione coattiva dei crediti – Decreto ingiuntivo e precetto
Il decreto ingiuntivo, così come la cartella esattoriale, l'assegno o la cambiale, sono titoli esecutivi. Dopo la notifica del decreto ingiuntivo si hanno a disposizione 40 giorni per impugnarlo. In assenza di opposizione, verrà notificato un precetto con il termine ultimativo di 10 giorni per il pagamento. Decorso tale termine, ...
Rintraccio debitori - Come complicare le ricerche anagrafiche del creditore
Quando un soggetto, ed in particolare un debitore, si rende irreperibile presso la propria residenza anagrafica nel Comune A, tanto da essere cancellato da quei registri anagrafici e si trasferisce successivamente in altro Comune B, acquisendovi la residenza, il creditore si trova nell'impossibilità di risalire, consultando i registri anagrafici del ...
Notifica del precetto - nulla e non sanabile se non viene rispettata rigorosamente la procedura
La notifica dell'atto di precetto deve rispettare l'ordine dei luoghi fissato dalla legge a pena di nullità. La notifica deve essere effettuata nel comune di residenza del destinatario: di norma la residenza viene individuata basandosi sull'effettiva ed abituale presenza del soggetto in un determinato luogo, dal momento che l'iscrizione anagrafica ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca