Omessa presentazione modello unico 2017 redditi 2016 - Come si può sanare la posizione?

Ci siamo accorti solo in questo momento (8/08/2018) che è stato scartato un modello unico 2017 (redditi 2016 inviato a settembre 2017) per un codice fiscale di un familiare a carico errato. Non se ne era accorto nessuno: come si può sanare la posizione? Posso mandarla via adesso?

Sì, la dichiarazione omessa può essere presentata entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa al periodo d'imposta successivo.

Qualora la dichiarazione omessa sia presentata prima dell'inizio di qualunque attività amministrativa di accertamento, si applica la sanzione dal sessanta al centoventi per cento dell'ammontare delle imposte dovute, con un minimo di euro 200. Se non sono dovute imposte, si applica la sanzione da euro 150 a euro 500.

Da tener presente che la dichiarazione presentata oltre novanta giorni dalla scadenza del termine di presentazione è da considerarsi, comunque, omessa con la conseguenza che le sanzioni non possono essere spontaneamente regolarizzate mediante l'istituto del ravvedimento operoso.

Tanto è quanto disposto dalla circolare ADE 42/2015.

8 agosto 2018 · Giorgio Valli

Nel quesito avevo dimenticato di specificare che le imposte dovute nel modello unico sono state regolarmente versate, in quanto la dichiarazione era stata normalmente predisposta e presentata e solo successivamente si è avuto lo scarto di cui non ci si era accorti.

In questo caso, è sufficiente pagare la sanzione per omessa presentazione? E come devo regolarmi per il calcolo della sanzione? Nel senso, quali criteri stabiliscono il minimo e il massimo?

Bisognerà attendere l'avviso di accertamento (immediatamente esecutivo) notificato dall'Agenzia delle Entrate: in generale, in assenza di accertamento, la sanzione si attesta al minimo di 150 euro. E, come era già stato chiarito, la sanzione, essendo relativa ad una dichiarazione dei redditi omessa, non può essere spontaneamente regolarizzata.

9 agosto 2018 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

dichiarazione dei redditi - tardiva ed omessa

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Dichiarazione dei redditi con modello Unico - come correggerla dopo la presentazione
I contribuenti che, presentato il modello Unico, si accorgono di non aver dichiarato dei redditi o di non aver riportato delle spese detraibili o deducibili, possono presentare, entro la scadenza ordinaria, un modello "rettificativo" di quello consegnato o spedito. Sul modello deve essere barrata la casella "Correttiva nei termini". Se ...
Dichiarazione dei redditi con modello 730 - come correggerla dopo la presentazione
Chi ha utilizzato il modello 730 per dichiarare i propri redditi deve controllare attentamente il prospetto di liquidazione delle imposte (modello 730/3) ricevuto dal sostituto d'imposta (datore di lavoro o ente previdenziale) o dall'intermediario (Caf, professionista), allo scopo di verificare che non ci siano errori di compilazione o di calcolo. ...
La rottamazione bis delle cartelle esattoriali » Nuova chance per i debitori non ammessi al beneficio o decaduti dalla possibilità offerta con la prima rottamazione del 2016 - Si possono adesso rottamare anche i debiti in riscossione coattiva affidati al concessionario dal 1 gennaio al 30 settembre 2017
Nuova chance per il debitore non ammesso al beneficio della prima rottamazione del 2016 per non aver pagato, nei termini, le rate di piani di dilazione in scadenza al 24 ottobre 2016 Relativamente ai soli carichi compresi in piani di dilazione in corso alla data del 24 ottobre 2016, per ...
Dichiarazione dei redditi precompilata - Come il familiare fiscalmente a carico può evitare che i dati sensibili sul proprio stato di salute vengano resi disponibili all'Agenzia delle entrate e quindi al dichiarante
Come è noto, in fase di accesso alla dichiarazione precompilata, il contribuente visualizza, nell'elenco delle informazioni ad essa attinenti, i dati relativi alle spese sanitarie sostenute anche dai familiari fiscalmente a carico. Se il familiare risulta a carico di più contribuenti, le spese sanitarie vengono inserite nelle dichiarazioni precompilate in ...
Vietati i libretti di risparmio al portatore
A far data dal 4 luglio 2017, con l'entrata in vigore del decreto legislativo 90/2017, è ammessa esclusivamente l'emissione di libretti di deposito, bancari o postali, nominativi ed è vietato il trasferimento di libretti di deposito bancari o postali al portatore. I libretti di deposito bancari o postali al portatore ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca