Omessa indicazione del tasso di interesse nell’avviso di accertamento

Argomenti correlati:

Nell’avviso di accertamento per omessa dichiarazione irpef che mi è arrivato non è indicato il tasso di interesse applicato per il calcolo degli interessi: è specificato solamente da che periodo essi partono. L’omessa indicazione del tasso applicato può essere causa di nullità dell’accertamento?

L’articolo 20 del DPR 602 1973 stabilisce che sulle imposte o sulle maggiori imposte dovute in base ad accertamento d’ufficio si applicano, a partire dal giorno successivo a quello di scadenza del pagamento dell’avviso di accertamento immediatamente esecutivo gli interessi al tasso del quattro per cento annuo. L’informazione dovrebbe essere riportata nell’avviso di accertamento.

In ogni caso, si tratta di un’indicazione la cui omissione non lede il diritto di difesa del debitore rispetto alle imposte liquidate (in pratica il debitore che ha omesso la dichiarazione dei redditi deve poter contestare la legittimità della somma accertata come sottratta al fisco, più che gli interessi di legge che verrebbero applicati qualora si verificasse il persistere dell’inadempimento) e non può costituire causa di nullità dell’avviso di accertamento.

E, comunque, prima della scadenza dei sessanta giorni dalla notifica dell’atto, il debitore conosce la somma (imposte liquidate e sanzioni, senza interessi) che dovrebbe pagare e può, pertanto, presentare ricorso nel merito, oppure adempiere.

2 Aprile 2019 · Giorgio Valli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Omessa notifica del verbale di constatazione - Avviso di accertamento per omessa dichiarazione di redditi da locazione
Mi hanno notificato un avviso di accertamento per omessa dichiarazione irpef per redditi da locazione, senza la preventiva notifica del verbale di constatazione. è causa di nullita? Vorrei precisare anche che io non sono il proprietario del locale dato in affitto, ma solo il comodatario-locatore. Mi hanno contestato il reddito come fondiario ma non dovrei pagare io le tasse bensì il legittimo proprietario. ...

Il tasso di interesse del mutuo
Il tasso degli interessi e la durata sono senz'altro gli elementi principali da tener presenti nella valutazione di un mutuo. Il tasso degli interessi può essere fisso, quando è convenuto nella stessa misura per tutta la durata del mutuo, oppure variabile, quando è determinato con riferimento a parametri mutevoli che devono essere definiti con criterio di obiettività e terzietà. La scelta tra tasso fisso e variabile è questione di merito, relativamente alla quale il mutuatario ha piena discrezionalità, assumendone il rischio con totale responsabilità: preferisce il primo, di massima, colui che ritiene che il costo del denaro aumenterà nel periodo ...

EURIRS o IRS – Accordi speciali sul tasso di interesse del mutuo
IRS è l'acronimo di Interest Rate Swap. IRS è spesso indicato come EURIRS. L'EURIRS è l'acronimo di EURo Interst Rate Swap. Quando la banca vuole garantire al cliente un tasso fisso deve tutelarsi in modo da evitare di rimetterci cifre da capogiro se i tassi si alzano. Ciò è possibile ricorrendo a speciali accordi (detti swap) con soggetti disposti ad accollarsi il rischio, nell'ambito di un intento speculativo. Dal tasso a cui si concludono tali accordi nasce l'IRS (Interest Rate Swap) spesso indicato anche come EURIRS. L'entità dell'IRS cambia in funzione del periodo coinvolto. Ovviamente lo speculatore che accetta il ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Omessa indicazione del tasso di interesse nell’avviso di accertamento