Omessa dichiarazione dei redditi negli ultimi 10 anni - Adesso possono pignorare la mia casa?

Sono una colf, da oltre 10 anni ho omesso di dichiarare i miei redditi e di conseguenza di pagarne i tributi: fino ad oggi non ho ancora ricevuto alcuna cartella esattoriale da parte di Equitalia.

Sono proprietaria di un'abitazione nella quale vivo con i miei due figli, che sto vendendo; inoltre sono titolare insieme a miei figli di un conto deposito contenente qualche migliaio di euro. Cosa mi consigliate di fare in caso di ricezione di una cartella esattoriale? Potrei cedere tutto ai miei figli oppure sarei soggetta ad un'azione revocatoria?

Per completezza, va detto che l'Agenzia delle Entrate-Riscossione (ex Equitalia) non può procedere al pignoramento della prima e unica casa di proprietà dove il debitore abita e ha stabilito la propria residenza.

Va aggiunto, inoltre, che in caso di controlli da parte dell'Agenzia delle Entrate (ADE) le possono essere richieste solo le imposte sul reddito delle persone fisiche evase nei sette anni precedenti (questo il termine di decadenza a partire dal primo gennaio 2016 quando non venga presentata la dichiarazione dei redditi).

Comunque, in una situazione complicata e a rischio come quella attuale, per andare sul sicuro e scongiurare un'eventuale azione revocatoria promossa dal Concessionario della riscossione, la vendita dell'immobile dovrebbe avvenire a titolo oneroso (dunque, non deve trattarsi di una donazione), l'acquirente dovrebbe essere terzo (non parente o affine) rispetto al debitore e dovrebbe utilizzare l'immobile acquisito come abitazione principale per sé stesso e/o per i propri parenti; infine, il passaggio di denaro associato alla transazione dovrebbe risultare tracciabile.

18 luglio 2017 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

casa - pignoramento espropriazione e vendita all'asta

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cartella esattoriale originata da dichiarazione dei redditi - può essere impugnata dal contribuente che abbia commesso errori a suo danno
Il contribuente che abbia commesso un errore, a suo danno, nella compilazione della dichiarazione dei redditi, può correggerlo anche in sede di impugnazione di una cartella esattoriale emessa in base alla dichiarazione. E' questo il principio sancito dalla Corte di Cassazione con la sentenza numero 10647 del 7 maggio 2013. ...
Il cliente ha il diritto di esigere dalla banca la documentazione relativa alle singole operazioni poste in essere negli ultimi dieci anni
Il cliente, colui che gli succede a qualunque titolo e colui che subentra nell'amministrazione dei suoi beni hanno diritto di ottenere, a proprie spese, entro un congruo termine e comunque non oltre novanta giorni, copia della documentazione inerente a singole operazioni poste in essere negli ultimi dieci anni. Al cliente ...
Cartella esattoriale - sempre impugnabile anche se emessa in base alla dichiarazione dei redditi
Il contribuente può contestare una pretesa tributaria anche in sede di impugnazione della cartella emessa sulla base delle sue dichiarazioni: purché ovviamente tale cartella costituisca il primo atto con cui la pretesa viene portata a conoscenza dei contribuente. E non è affatto necessario che il contribuente versi quanto chiesto in ...
Cartella esattoriale » Il deposito in comune va sempre notificato
Se il concessionario della riscossione, ad esempio Equitalia, non riesce a notificare la cartella esattoriale direttamente al destinatario, nell'ipotesi in cui lo stesso sia temporaneamente assente dalla propria abitazione, e provveda a lasciarla presso la casa comunale, è necessario avvisare il contribuente del deposito dell'atto attraverso una raccomandata con ricevuta ...
Dichiarazione dei redditi congiunta - La responsabilità solidale dei coniugi non viene meno con la successiva separazione personale
La dichiarazione dei redditi congiunta, consentita a coniugi non separati, costruisce una facoltà che, una volta esercitata per libera scelta degli interessati, produce tutte le conseguenze, vantaggiose ed eventualmente svantaggiose, che derivano dalla legge e che ne connotano il peculiare regime, a prescindere dalle successive vicende del matrimonio. Ne consegue ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca