Omessa dichiarazione dei redditi percepiti nel 2005

Mio cognato, nel 2005 ha percepito un reddito di 7463 euro dall' inps come pensione e 4718 euro da lavoro dipendente.La pensione è di invalidità.

Non ha fatto la dichiarazione e gli sono state calcolate le tasse irpef solo sulla pensione. Gli è arrivata a casa l'avviso di accertamento redditi 2004 e mancata dichiarazione redditi in data 10 settembre 2011.

Può sussistere la prescrizione di questa cartella? Ci sono estremi per presentare ricorso?

In caso di omessa presentazione della dichiarazione dei redditi, la finestra temporale entro la quale deve essere notificato l'accertamento è di 6 anni.

Quindi, per i redditi percepiti nel 2005 da denunciare nella dichiarazione 2006, la decadenza dei termini per l'accertamento si sarebbe verificata al 31 dicembre 2011.

Pertanto la notifica è stata effettuata ampiamente nei termini. Non è dunque proponibile alcun ricorso, in quanto, nel merito, la legge è chiarissima ed inequivocabile.

2 ottobre 2011 · Giorgio Valli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

dichiarazione redditi

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Dichiarazione congiunta dei redditi » responsabilità solidale dei coniugi anche dopo separazione legale
La responsabilità solidale dei coniugi, che abbiano presentato dichiarazione congiunta dei redditi, per il pagamento dell'imposta, soprattasse, pene pecuniarie e interessi iscritti a ruolo a nome del marito, prevista dall'articolo 17, ultimo comma, della legge 13 aprile 1977, numero 114, vale anche per gli accertamenti dipendenti da comportamenti non riconducibili ...
Errori ed omissioni nella dichiarazione dei redditi - Termini per rimborsi e ravvedimenti
Le dichiarazioni dei redditi, dell'imposta regionale sulle attività produttive e dei sostituti di imposta possono essere integrate dai contribuenti per correggere errori od omissioni (in danno del contribuente) che abbiano determinato l'indicazione di un maggior reddito o, comunque, di un maggior debito d'imposta o di un minor credito, mediante dichiarazione ...
Quanto costa la sanzione per omessa o infedele dichiarazione dei redditi
Per omessi, insufficienti o ritardati versamenti diretti (saldo, acconto, periodici) la sanzione amministrativa è pari al 30% dell'imposta dovuta e non pagata. La sanzione è ridotta a 1/15 per ciascun giorno di ritardo, se il versamento è effettuato entro 15 giorni. In caso di omessa dichiarazione dei redditi la sanzione ...
Omessa presentazione della dichiarazione dei redditi - il contribuente non è esente da colpa per il solo fatto di aver incaricato un professionista per i relativi adempimenti
La violazione delle norme tributarie suscettibile di sanzione da parte della legge richiede che il comportamento addebitato sia posto in essere con dolo o anche colpa: il contribuente a cui venga contestata la mancata presentazione della dichiarazione dei redditi e l'omessa tenuta delle scritture contabili obbligatorie non può considerarsi esente ...
Accertamento fiscale tramite redditometro » Rate del mutuo sproporzionate rispetto alla dichiarazione dei redditi? Da provare gli esborsi del genitore
Accertamento fiscale con redditometro: se le rate del mutuo che il contribuente paga sono incongrue, rispetto alla dichiarazione dei redditi, va dimostrato che a onerarle è stato un familiare. Scatta il “redditometro” se il contribuente non dimostra, mediante idonea documentazione, che i soldi per comprare la casa li ha messi ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca